Server FTP && Raspberry Pi

Può capitare di essere talmente pigri da non volersi alzare dal divano per andare a staccare la pennetta USB da 30GB, attaccata al Raspberry, contenente i nostri porni file scaricati.

Cosi mi sono deciso a farmi un serverino FTP fatto in casa usando il mio raspberry. La procedura è semplicissima, prima di tutto si installa il demone sul raspberry:

sudo apt-get install proftpd-basic

Durante l’installazione ci chiedere come vogliamo avviarlo io ho scelto standalone come consigliato da questa guida dei ragazzi di Debianizzati.org

Successivamente stoppiamo il demone:

sudo /etc/init.d/proftpd stop

e andiamo a rinominare il nostro server ftp con il nome che vogliamo:

sudo nano /etc/proftpd/proftpd.conf

editando questa riga:

ServerName “Picchio Porn FTP Server”

salviamo e riavviamo il server:

sudo /etc/init.d/proftpd start

Fatto questo possiamo anche chiudere la connessione ssh al raspberry e andiamo connetterci al nostro server ftp usando un client, io ho scelto Filezilla.

ftp-server

Una volta aggiunti IP, user, password e porta 21 saremo pronti per trasferire sul nostro pc i porni appena scaricati i file che desideriamo.

:# /dev/null/

PS: ho letto in giro gente che afferma che il raspberry non c’è la fa a far girare ServerFTP+DemoneTrasmission+Xorg. Be gente questa cosa non è vera perché uso felicemente questa configurazione sul mio raspberry e la CPU regge benissimo, oscilla tra il 6-10% e i consumi di Ram sono appena 64mb (valori presi da htop).

The Power of Midnight Commander

Piccolo trucchetto per chi ha un Raspberry (o un pc muletto) e ha la necessità di spostare via SSH file multipli su dischi o penne USB.

Se si tratta di un singolo file può bastare il comando mv, tuttavia trattandosi quasi sempre di file multipli con nomi strani e per di più ripieni di parentesi e spazi la cosa si fa complicata, sopratutto quando ti trovi sul divano e sei collegato via SSH con il tuo device Android.

Dunque questo post di Alessio (aka dottorblaster) mi ha illuminato la giornata permettendomi di scoprire Midnight Commander un file manager da shell che ci permette di gestire tutti i nostri file con estrema facilità. Lo si installala facilmente tramite APT:

sudo aptitude install mc

E lo sia avvia con il comando mc, una volta fatto questo rechiamoci nelle directory che ci interessano (sorgente e destinazione).

Per copiare i nostri porni in FULLHD file ci basterà selezionarli con CTRL+T, poi andate sul menù “File” e da li selezionate la voce “Copia” e la copia dei nostri file inizierà. Di default la copia verrà eseguita sulla seconda directory che stiamo esplorando (riquadro a destra). Se siete pigri via SSH è possibile usare anche il mouse per selezionare i Menù o per swicchiare tra i riquadri, eccovi un esempio:mc

:# /dev/null/

Habemus Raspberry Pi!

Con un leggero ritardo è arrivato! Arrivato finalmente nelle mie mani ed io ero tipo “My precioousss!”. Il Raspberry Pi è giunto a me in piccolo pacchetto dal Regno Unito ed è quasi subito piaciuto a tutta la famiglia, la nonna è rimasta “alluccata” dalle minuscole dimensioni dei micro-processori, che si vedono perfettamente dal case trasparente che ho ordinato assieme al Raspberry.

Madre e sorella sono rimaste perplesse dalla mancanza del modulo WIFI, mentre mio padre, subito dopo il boot, mentre stavo navigato con Midori ha esclamato:

MA NON HAI INSTALLATO L’ANTIVIRUS?!

Una volta calmato il padre, e spigato che Debian è sempre Linux quindi niente vairus, ho iniziato un po a giocare un po con il mio Raspberry semplicemente meravigliato di quanto il boot di mamma Debian sia veloce su questa macchina.

Una volta concluse le prime erezioni e connesso l’aggeggio ad un cavo ethernet ho cominciato a dare uno sguardo al demone SSH, scoprendo con gioa che è esso è già installato e configurato! Ottimo dire, bravi i ragazzi del team di Raspbian. Successivamente ho aggiornato la lista dei pacchetti di APT e ho installato transmission e il suo demone:

sudo aptitude install transmission transmission-daemon transgui

Il comando si porta dietro alcune dipendenze e dopo pochi minuti eccovi pronti a scar…no momento c’è da configurare il file di config del demone di tranmission! In giro si trovano trentordici mila guide, io mi sono affidato ai ragazzi di Debianizzati.org.

Dopo aver installato il tutto fermiamo il demone:

sudo /etc/init.d/transmission-daemon stop

poi editiamo questo file:

sudo nano /etc/transmission-daemon/settings.json

Al suo interno troviamo varie voci, quelle che interessano a me (e credo anche a voi luridi sporcaccioni) sono solo 3:

download-dir

In pratica è la directory dove andrete a scaricare i file, di default punta su /var/lib/transmission-daemon/downloads, ora io ho usato una scheda SD da 16GB ma inizialmente tale schedina viene vista come da 2GB, questo perché il file ISO di Raspbian è creato per memoria di massa più piccole, per ovviare a questo problema il team della distribuzione ha creato un tool, chiamato raspi-config, per ampliare lo spazio della scheda SD in modo da usarlo nella sua totalità:

sudo raspi-config

Vi comparirà un menù voi selezionate la voce: expand_rootfs

Una volta eseguito il processo vi chiedere se volete riavviare, voi fatelo e al reboot avrete a disposizione l’intero spazio della vostra scheda SD, ad esempio ecco la mia situazione:

picchio@raspberrypi ~ $ df -h
Filesystem Size Used Avail Use% Mounted on
rootfs 15G 1.5G 13G 11% /
/dev/root 15G 1.5G 13G 11% /
devtmpfs 220M 0 220M 0% /dev
tmpfs 44M 228K 44M 1% /run
tmpfs 5.0M 0 5.0M 0% /run/lock
tmpfs 88M 68K 88M 1% /run/shm
/dev/mmcblk0p1 56M 17M 40M 30% /boot
/dev/sda1 30G 16K 30G 1% /media/PornoUSB

Una volta fatto questo potete creare una dir personale che userete come punto per scaricare tutto i vostri file:

mkdir Scaricati

ora potete modificare la stringa del file di poco fa, e al posto della dir di default mettete ~/Scaricati, oppure se lo volete potete lasciare quel parametro invariato, io per mie elucubrazioni personali ho fatto cosi ma voi potete scaricare i vostri porni file dove volete, l’importante è avere i permessi per usare la directory.


rpc-whitelist-enabled
&& rpc-authentication-required

Questi due devono essere settati su false, a meno di non voler aggiungere gli indirizzi IP delle vostre macchine, cellofoni inclusi, dentro il file di config del demone. C’è anche la possibilità di settare password e altra roba ma visto che nessun estraneo è connesso alla mia rete locale ho optato per un accesso libero a tutte le macchine di casa.

Una volta editato il file di config a nostro piacere possiamo riavviare il demone:

sudo /etc/init.d/transmission-daemon start

Avviato questo saremo in grado di connetterci ad esso da una qualsiasi delle nostro macchine digitato sul nostro browser: http://Indirizzo_IP_Del_Rasberry:9091

Se tutto è andato bene ci dovrebbe comparire una schermata simile a questa:transmission_deamon

Salvatevi l’indirizzo come bookmarks cosi non dovrete ridigitarlo ogni volta , potete anche crearmi una specie di WebApp usando Chromium se vi va.

Dunque una volta giunti qui siamo pronti a scaricare i porni in FULLHD H24 goderci il nostro muletto pienamente funzionante. Quando il file sarà scaricato possiamo trasferirlo con il comando mv nella penna USB oppure copiarlo sul vostro pc via rete usando scp.

Personalmente preferisco lasciare il Raspberry sempre accesso perché consuma meno di una decina di wat e poi in caso di sbalzi di corrente preferisco friggere un robo da 45€ invece del mio pc fisso che ne vale 400€.

Dunque gente per adesso è tutto, vi lascio qui qualche immagini della creaturina 😀

#: /dev/null/

PS: Nella prossima puntata vedrete il picchio (aka me) alla prese con il rasbperry e PCSX, vediamo se sarà in grado di reggere i giochi della PSone.

PSS: riesco a connettermi via ssh usando l’IP del cosino ma se uso l’hostname (tipo: ssh pi@raspberrypi) invece mi piglia a pesci in faccia, pare non sia un problema solo mio, appena ho tempo lo risolvo e vi scrivo due righe su come fare magari è utile anche voi.

PSS: Per chi volesse sapere dove comprarlo e in quanto tempo arriva, ho già risposto a tale domanda su Google+ e FriendFeed ma per sicurezza la riscrivo qui:

Ho comprano il Raspberry da qui (usando un conto Paypal) il costo del pc+case+spedizione e di 45€. Il pacco arriva per posta ordinaria in più o meno 20 giorni (ti spediscono una email appena hai effettuato il pagamento e lo specificano li). Dal sito è possibile acquistare anche cavi HDMI, alimentatori, schede SD e altri accessori che vi arriveranno con il medesimo pacco.

Altre Fonti: RaspbianFAQ