Gestire Corsair Strafe RGB su Linux Ubuntu

Il mio primo autoregalo del 2016 è stata una bella tastiera meccanica Corsair Strafe RGB. La masturbazione con i led RGB e gli switch cherry mx brown è arrivata proprio al top, senza contare che quando scrivo (tipo ora) è una gioia per l’udito sentirla cantare.

Finiti i primi muniti erettivi intensi mi sono chiesto: “bello bello, mo ora come regolo i led e le altre robe?”. Su Windows basta installare la comoda app di Corsair mentre su Linux il supporto out-of-the-box si ferma alle impostazioni di fabbrica. Dunque sotto consiglio del buon Julian ho googlato un po e come primo risultato ho trovato un tizio su Github che ha sviluppato il driver per Linux e OSX della mia tastiera <3

Penso di amarlo. Il driver, chiamato ckb, si installa con un comodo script e permette di fare praticamente le stesse robe che si fanno con l’app di Corsair:

sudo apt-get install build-essential libudev-dev qt5-default zlib1g-dev libappindicator-dev

Ora scaricate il driver ed eseguite lo script di installazione:

sudo ./quickinstall

Rispondete di si a tutte le domande et volà eccoci pronti ad entrare in Tron.ckb

Ora torno a segarmi scusatemi, saluti e baci.

PS: ecco la mia reazione appena accesa per la prima volta.

Cambiare DNS su Linux Ubuntu

Taaanto tempo fa, in una galassia lontana lontana (Cit) scrivevo su questo angolo del web tutto mio. Oggi invece scrivo in altri posti perché sostanzialmente me pagano per farlo. Ora torno a scrivere due righe su questo blog dopo un anno perché ultimamente mi sono ritrovo a non poter più visualizzare uno dei mie siti porni preferiti.

Tuttavia da rete 4G di Wind il sito si vedeva e le signorine erano sempre intente a fare il loro dovere. Quindi a quel punto il problema mi è stato subito ovvio, si trattava di un problema di DNS. Probabilmente Fastweb ha fatto dei casini ultimamente o magari quel sito ha cambiato qualcosa bho, per non sapere ne leggere ne scrivere ho dunque optato per usare gli OpenDNS.

Per impostarli su Ubuntu, ma tutti i network manager su Linux possono farlo, basta andare sul vostro gestore di rete>edit>ipv4> Method>Automatic (Only addresses) ed inseriamo nel campo DNS Server gli OpenDNS aka: 208.67.222.222,208.67.220.220dns

Salviamo et voilà dopo una veloce notifica del sistema che ci avverte che ci siamo riconnessi saremo di nuovo pronti alla masturbazione, sempre se non abbiamo un sito porno di backup ma sapete sono ormai restio a modificare le mie abitudini.

Fonte

Back to Windows Phone

Rieccomi qui dopo *soli* 5 mesi di assenza. Speravate che questo blog fosse ormai stato abbandonato dalla mia persona vero? E invece no! Rieccomi qui con i miei typo e il mio solito flusso di coscienza, più o meno spinta. Come avrete intuito benissimo dal titolo vi annuncio che sono tornato su Windows Phone e lo uso come OS mobile principale. Sono relativamente soddisfatto dalla mia scelta visto che i bonus sono stati molti ma ho anche notato diversi “malus” che compongono Windows Phone e il suo modo di gestire l’esperienza utente.

Non voglio dilungarmi sull’user experience WP VS Android, la questione non è nulla di drammatico, l’unica cosa che mi manca è la possibilità di condividere link/audio/video con tutte le app installate. Su Android posso farlo mentre su WP no e devo prima aprire l’app e poi selezionare dalla galleria, che ci mette un po a caricare stranamente, il file che vogliono aprire. Di solito le app che ti permette di usare con il tasto share sono: Whatsapp, Twitter e poche altre. E io che uso molto Telegram e un client Twitter alternativo (si chiama Fenice ed è molto bello) rimango un po inculato. Però si tratta di un comportamento random, infatti alle volte mi presenta anche le suddette app mentre altre volte se ne dimentica e mi fa vedere solo tre app in croce, secondo me ha dei problemi con la lista di app, alle volte le trovate tutte mentre altre volte se le perde perché si droga evidentemente. Sono dei piccoli difetti che spero vengano sistemati in Windows 10 Mobile.

Come forse alcuni ricordano (c’è qualcuno che legge ancora queste pagina? Dubito, scrivo solo per me stesso temo) sono un felice possessore di un Nexus 4 e per un anno mi ha servito senza problemi. Solo che mese dopo mese l’autonomia della batteria iniziava drasticamente a calare fino ad impedirmi di raggiungere l’ora di pranzo se lo lascio in 3G/Wifi. Ora io non pretendo due settimane di autonomia, ma DIOBIBBITARO CHE ALMENO MI DIA 12 ORE. Ovviamente non posso pretendere molto da un device di fine 2012, all’epoca quando il produttore dichiarava 15 ore era già tanto, senza contare che già di suo la batteria del Nexus 4 non è proprio di dimensioni generose.

Dunque dopo un anno e passa da felice utente Android ho deciso di migrare verso altri lidi principalmente per il fattore autonomia, non parlo dei bug di Lollipop perché so che non è colpa del telefono in se ma di chi ottimizza il sistema. Il device da me scelto è il bellissimo Lumia 640 XL, il colore questa volta è bianco sperma, perché sono andati via come il pane e al negozio chi me l’ha regalato non ha trovato il colore arancione da me preferito (visto che non fanno più le cover gialle porcamerda).

Poco male su Amazon ci stanno le cover ufficiali di Microsoft e appena mi stanco ne compro una nuova arancione radioattivo o blu puffo.La batteria mi dura, anche con uso intenso, un giornata intera senza problemi, lo stacco dalla carica alle 7 per andare a mare e alle 23 sta al 20% di batteria dopo una giornata in Wifi/4G con varie foto scattate, l’uso del GPS e i soliti social network con i porni.

P1110336

Il device in se è davvero figo a vedersi, 6 pollici di schermo con risoluzione 720p che non è male anche se avrei gradito il 1080p ma per 250€ non posso pretendere il top. Ah si ovviamente ho preso la variante LTE in modo da fruttare il 4G Wind che in queste due settimane si è comportato davvero bene, anche se di solito non superavo i 12mega in download ma probabilmente dipende dalla rete Wind palermitana.

wp_ss_20150807_0001

Però dai non mi lamento, riesco a prendere rete anche in posti dove prima mi disconnettevo e non ho problemi in chiamata quindi ok. Il display è davvero bello e il sensore di luminosità fa il suo sporco lavoro senza battere ciglio, permettendomi di vedere al sole senza poi abbagliarmi al buio. Il comparto audio diciamo che lascia a desiderare, la cassa spara molto e la suoneria (non c’è più il Nokia tune sic) si sente anche a distanza ma quando riproduco un brano inizia a vibrare e distorce il suono. Ve l’ho detto che Windows Phone 8.1 non riproduce i flac? Mi sono cadute le braccine quando l’ho letto, visto che la mia musica sulla microSD non veniva vista dall’app di WP.

Be in realtà riesco a farlo con VLC, siano benedetti i developer, ma non posso riprodurli in background quindi mi tocca tenere aperta l’app di VLC e quando il display si spegne la musica si ferma perché Windows è cretino. Con Windows 10 Mobile dovrebbe arrivare il supporto ai flac quindi CAZZOMICROSOFTSBRIGHETE! Nessun problema audio con i video su youtube, ottima l’app Tubecast anche se alle volte crasha a random, infatti si sentono molto bene anche in luoghi rumorosi anche se di solito uso le mie fide cuffiette.

P1110340

Passando ad un aspetto che mi interessava particolarmente ovvero la fotocamera. Su Nexus 4 la messa a fuoco era lenta con qualsiasi applicazione ma per il resto faceva foto decenti. Il Lumia 640 XL fa foto migliori, grazie all’ottica da 13megapixel, e al pari della mia attuale digitale da 10megapixel. Ovviamente quando c’è poca luce soffre molto e dopo lo scatto l’app del telefono cerca di migliorare come può l’immagine con alcuni filtri, certo non è nulla di eccezionale dunque quando si può meglio usare il flash.

Il device si presta bene anche per fare gli autoscatti al mio cazzo grazie alla fotocamera frontale da 5megapixel anche se esiste un app di Microsoft che ti permette di farti dei selfie con la fotocamera principale grazie ad un sistema di avvisi sonori che ti consentono di scattare in modo decente senza guardare il display.

wp_ss_20150807_0002

Tornando a parlare del display, è davvero bello cazzo se guardo display più piccoli mi viene la claustrofobia, i video si vedono molto bene e anche l’angolo di visuale è buono e quando mi distendo per vedere i video sul divano/letto non ho problemi a posarlo sul cuscino.

Se da un lato le app di Microsoft sono davvero ottime quelle dei terzi lasciano un po a desiderare. Molte sono ancora in beta e presentano dei bug fastidiosi come ad esempio l’app di Telegram che alle volte si impicca e non invia/scarica audio o foto. Altra app invece hanno delle UI da “ultimare” ma alla fine si vive bene anche se ci sono delle app che non ho trovato tipo quella di Teamspeak o di VVVVID e il gioco di Love Live.

Delle prime due posso fare a meno visto che comunque ho sempre il Nexus 4 come secondo telefono, mentre mi sarebbe piaciuto giocare con le mie idol preferite su un display più grande. Perdonami Nozomi giuro che tornerò a giocare con te il prima possibile. Detto questo vi lascio che sono stato abbastanza logorroico.

PS: ah si dimenticavo, la barra dei tasti si può nascondere in qualsiasi momento senza problemi con uno swipe verso l’alto, capito Google?

:# /dev/null/