Back to Arch :D

Dopo un paio di mesi non ho resistito, il mio animo nerd mi spinge sempre verso nuove avventure e arch me ne offriva una nuova e succulenta su un piatto d’argento, ovvero installare e configurare arch su di un pc senza connessione di rete via cavo ma unicamente via wifi. Detto cosi sembra nulla ma le difficoltà non sono state poche tuttavia alla fine grazie ai ragazzi del forum di arch sono riuscito a connettermi via wifi da CLI e a lanciare un pacman -Syu dopo molto mesi 😀

Ora non so se ve lo ricordate ma la mia prima installazione di arch era stata effettuta sul mio piccino ma vista la sua dipartita ero rimasto senza arch quindi ho deciso di sacrificare il mio ambiente di backup (ambiente sostituito egregiamente dal mio nuovo disco esterno da 2TB) sul mio pc fisso vecchio (si trattava di una Linux Mint con LXDE) e di rientrare nel magico mondo degli archeri!

Dopo le iniziali difficoltà nel connettermi alla rete è stato tutto in discesa, ho aggiornato e configurato la mia arch in poco meno di mezz’ora e credetemi la soddisfazione è sempre grande (si ho avuto il tipico orgasmo alla fine dell’installazione che colpisce ogni archere) anche se si segue la completissima guida del wiki che ti guida passo passo nell’installazione/configurazione. Il sapere esattamente come è formato il tuo sistema e cosa vi è installato ti da una sensazione di potere illimitato stile Jedi/Sith quando usano la forza °_°

Quindi ora sul mio fisso vecchio la mia storica Debian Sid è afficanta da Arch, in pratica è il paese dei balocchi per gli smanettoni *_*

Vi lascio uno screen della mia arch+xfce4 per assecondare il mio spirito da sborone:

ecco lo screen del mio desktop 😀

:# /dev/null/

PS: Oggi Mamma debian compie 18 anni quindi auguri mammina io ti amo sempre e comunque anche se sto palpeggiando le tette arch 🙂

PS#2: Non vi preoccupate appena posso testerò anche KDE 4.7 *_*

PS#3: E si adesso c’è l’ho ancora più lungo mhauhauhauauahhau!!

Benvenuti Guake e Yakuake :D

Volevo solo annunciarvi l’arrivo di due software ormai per me diventati una dipendenza *_*

Immaginate una shell sempre a vostra disposizione, vi basta pigiare un tastino et voilà avrete la vostra shell, e sta li trasparente o del colore che volete voi, sempre in primo piano se vi aggrada, in tutte le aree di lavoro (o solo in una sola), pensare a una shell stile quake! Tipo quella che si usa per…cof…cof…i codici!

Questa cosa esiste veramente! E si chiama Guake su Gnome e Yakuake su KDE *_*

guake sul pc della sorella *_*

ecco yakuake sul fisso vecchio *_*

La cosa mi ha fatto colare bava per diversi minuti, e usando questi due emulatori di terminale devo dire che la comodità si nota, hai sempre la shell a portata di mano con la pressione di un tasto e con il medesimo la puoi nascondere e richiamare! Hai le tue personalizzazioni, Guake supporta i profili utente e Yakuake addirittura ha dei temi scaricabili!

Ovvio che la cosa è molto soggettiva per chi non usa il terminale spesso (io lo uso principalmente per aggiornare il sistema e per installare i programmi) può risultare inutile ma vuoi la soddisfazione di far sgranare gli occhi al tuo negoziante di fiducia quando con la sola pressione del tasto F12 e con un lspci gli mostri che Linux ti riconosce subito la nuova scheda video appena montata xD

:# /dev/null/

PS: Ogni riferimento a fatti avvenuti durante l’installazione e il test della mia nuova scheda video sono puramente causali xD

PSS: a si i due programmi si trovano già nei repo di Debian e di Ubuntu 🙂

Update:

Come consigliato dai commenti ho provato tilda e devo dire che è ottimo, mentre guake e kde sono incentrati per i rispettivi DE, Tilda si adatta a tutto ad esempio io l’ho provato su xfce 😀

ecco tilda sul topo 😀

Quando il topo non si logga…

Ultimamente la mia passione per gli ambienti desktop leggeri sta esplodendo il che mi porta a provare ogni sorta di DE e wm leggero/alternativo. Ultimante come saprete mi sono concentrato nell’esplorazione di fluxbox ma leggendo questo post mi è tornata voglia di coccole quindi (come forse avrete intuito) ho deciso di riprovare il mitico xfce un DE davvero completo che è stato mio compagno di merende per quasi un anno (sul picciono e per qualche mese anche sul pc fisso). Cosi eccitato da ricordi felici installo il topolino e mi sloggo da fluxbox per loggarmi sul topo.

Per un po tutto ok ma ad un tratto stump!, splash!, gulp! si insomma quella roba li e mi compare un fantastigherrimo schermo nero e poi subito dopo mi ritrovo danti a gdm3 (la schermata di login), cosi provo a riloggarmi sul topo e si ripete la tiritera, schermo nero dopo pochi secondi e mi ritrovo su gdm3.

Cosi tento di loggarmi su Fluxbox e su Gnome e tutto va liscio, alche provo ad indagare ma su guugle non trovo traccia di questa pazzia topolinesca. Cosi posto il mio problema agli amici del pinguino su FriendFeed che mi fanno provare varie cose e infatti li mi arriva la soluzione (grazie dottore e grazie ragazzi per il supporto che mi date sempre), tuttavia io nel frattempo mi ero già dotato del kit di pronto intervento ovvero chiamando il mio SemiDio preferito Lightuono (detto anche stikaz o stikez o come volete voi) il che prima imputa dbus ma il povero demone è pulito cosi Ligh mi consigli di creare un nuovo utente per vedere se con quello si logga, cosi lo creo:

sudo adduser xfce (al posto di xfce ci potevo anche mettere “tette” ma poi ci ho ripensato)

poi ho inserito la mia password e ho lasciato in bianco gli altri campi, mi sloggo e provo a loggarmi con l’utente xfce sul topo e fu magia!

Cosi avevamo assodato che il mio utente era sporco quindi Ligh mi consiglio di brasare la cartella di xfce da .config e cosi vissero felici e contenti, Ligh poté andare a dormire pensando alla figa e io sono mi sono goduto la mia dose di tette sul topo.

A si ovviamente ho cancellato l’utente xfce perché non mi serviva ad altro, mi è bastando dare un sudo deluser xfce

Ecco un esempio del mio desktop col topo:

PS: A si il post su xfce che vi ho linkato ad inizio post fa parte di un blog che è da aggiungere assolutamente ai vostri feed!

PS#2: Ieri sera navigando su google readers mi sono accordo di un nuovo post di Edmond e li ho trovato una miniera d’oro!