Sbavando sul pc: La mia Sexy Debian :D

Ultimante sono stato usurpato dal mio trono regale per diversi giorni (causa vacanza di mio padre+Vairus) quindi ho avuto relativamente poco tempo per smanettare con la mia debian.

Tuttavia questa sera per concezione divina, mio padre ha lasciato il trono del pc fisso e si è andato a distendere in soggiorno (forse a causa del 35 pollici HD piazzato in soggiorno, forse anche a causa di StarWars) quindi questa sera ho avuto nelle mie mani la televisione di camera mia (su cui ho goduto con guerre stellari) e la mia Debian box 😀

Ordunque mi sono messo a smanettare su di essa per renderla più gradevole, il lavoro da fare è più lungo del normale perché sia Gnome che KDE offrono strumenti più semplici di personalizzazione mentre Openbox ed LXDE non sono ancora user friendly al 100%.

Ma andiamo con ordine:

Tema generale:

Allora come bordo finestra e bottoncini “chiudi”, “riduci ad icona”, “massimizza” ho lasciato quelli standard del tema Onyx.

Ma questo usava il colore d’interno un po troppo chiaro cosi ho installato il tema “Inspiration” (senza usare i bordi delle finestre solo i colori interni) che è più sul grigio (molto simile ai colori di KDE).

Per installare il tema ho scompattato la cartella su /usr/share/themes (avendo i privilegi di utente root che si possono ottenere da terminale con il comando “sudo nautilus” o con il vostro file manager preferito).

Icone:

Con lo stesso procedimento ho installato le icone che si chiamano “Awoken“, cambia solo il percorso: /usr/share/icons

Una volta installati il tema generale e le icone dobbiamo impostarli quindi andiamo su preferenze>aspetto e le selezioniamo:
Ecco siamo già a metà dell’opera 😀

Dock:

Be come in tutti i mie sistemi non poteva mancare un dock, visto che né KDE né LXDE usano compiz come gestore di composizione (per validi motivi) mi sono rivolto a Cairo-dock che avevo sempre snobbato per la sua eccessiva voglia di fronzoli ma che adesso ho rivalutato, infatti una volta ripulita dalle trentordici cose inutili essa si presenta leggere e funzionale (certo non è docky ma è già meglio di Daisy, il plasmoide che uso su KDE).

Su debian-sid basta dare un semplice comando per installare l’ultima versione disponibile 😀

sudo apt-get install cairo-dock

Questo comando si tirerà dietro tutte le sue dipendenze necessarie, alla fine ve la ritroverete su strumenti di sistema>Cairo-dock

La cosa che mi ha colpito è la possibilità di avviare la dock con OpenGL o senza (io ho scelto senza).

Ovviamente la dock necessità (per funzionare umanamente) di un gestore di composizione, io ho scelto il fedele “xcompmgr” già usato in precedenza per far partire AWN sul mio piccino 😀

Quindi diamo un bel sudo apt-get install xcompmgr

e poi con la combinazione di tasti “alt+F2” lo avviamo:Per far avviare xcompmgr ad ogni avvio di sistema ho dovuto rifletterci un po su, allora se usiamo Gnome possiamo andare a guardare il post riguardante AWN, ma se usiamo Sidux che è stata pensata per KDE la cosa è un po diversa, infatti io sono andato su Preferenze>impostazioni di sistema>avanzate>Avvio Automatico>Aggiungi Programma.

Di qui poi ci andiamo a cercare xcompmgr che sta nella cartella /usr/bin/ e lo selezioniamo.

Cosi ad ogni avvio di sistema il demone di xcompmgr si avvierà e resterà in background. (sempre se volete che cairo si avvi con il sistema altrimenti potere avviare ogni volta xcompmgr a mano usando “alt+F2”).

Bene adesso manca solo il tocco finale, la ciliegina sulla torna, ovvero il wallpapers 😀Figo è ?!

Se cercate “Debian wallpapers” su guugle lo troverete ma dovrete sfogliare ventordici pagine quindi ve lo linko qui 😀

Eccovi altri due screen:
Bene abbiamo finito, il trucco per la nostra sexy Debian è ultimato! 😀

Consiglio di festeggiare ascoltando/godendo con questo video.

#: /dev/null 😉

PS: Ringrazio Streetcross perché il suo post mi ha dato una grossa mano, infatti non avrei mai capito come installare i temi e le icone, senza di lui non avrei potuto realizzare questo post.

Diamo il via allo sbavamento con Burg Manager!

Nato da una collaborazione tra il mitico Canopus e Ingalex (il gestore di Soruceslist.eu che ha raccolto nel suo blog tutti i temi per burg) è qui pronto a farci sbavare tutti dalla gioia!

Allora prima di tutto partiamo dal principio, era un giorno lontano lontano, un una galassia altrettanto lontana, dove, si insomma, si lavorava a Grub2, quando gli sviluppatori del suddetto Grub decisero di fare un fork del loro stesso programma per creare Burg!
Prima dell’avvento di tale interfaccia installare burg era un processo un po macchinoso che vi avevo anche mostrato sul mio post su burg.
Andiamo invece a sbavare…cioè a guardare Burg Mangar:
È interfaccia grafica realizzata con BUC, grazie a questa figherrima interfaccia è possibile:
– Installare e Rimuovere Burg;
– Ripristinare Grub2
– Impostare Timeout, Tema e risoluzione;
– Installare nuovi temi.

Insomma è una cosa che ci semplifica non poco la vita e lo sbavamento xD
Naturalmente per far funzionare Burg Manager è necessario installare prima BUC, se non sapete cosa sia esattamente sto BUC potete leggere il mio post dove spiega cosa è BUC.

Per provarlo direttamente e per saperne di più vi rimando al post di Ingalex 😉
We Love Burg
PS: io purtroppo non ho potuto testarlo direttamente perché il mio portatile da 15 pollici si rifiuta ancora di caricarsi, e sul piccino ho solo Mint 8.
Update:
Come segnalatomi da Ingalex è stata rilasciata la versione 0.2 di Burg Manager!
Che si presenta con un nuovo sviluppatore (Tux10), con una seria di bugfix importanti e con una carrellata di nuove feature:
-Impostare l’OS primario da cui bootare;
-Far bootare una iso usando burg, senza masterizzare o montare su penna usb;
– Impostare una password per accedere a Burg Manager;
– Aggiunta di nuovi temi;
– Nuovi setaggi disponibili che comprendono:
GRUB_DISABLE_LINUX_RECOVERY
GRUB_CMD_LINUX_DEFAULT
GRUB_SAVEDEFAULT
GRUB_LINUX16
GRUB_DISABLE_LINUX_UUID
GRUB_FOLD
– Nuove localizzazioni in:
Portoghese; Tedesco; Francese; Inglese; Rumeno; Spagnolo; Svedese.
Detto questo vi lascio il post di Ingalex per il download della nuova versione 😀

PS#2: Cercano sviluppatori Gambas per un futuro porting di Burg Manager, se siete interessati non esitate a contattare Ingalex 😉

Sbavando sul pc: Mettiamolo in quel posto a compiz!

Ragazzi, ragazzi!! è il caso di festeggiare……GIANNI l’ottimismo!(cit.Ingegner Cane)…..W i nerd! W Linux!…….

No scusate mi calmo subito e che sono agitatissimo no anzi contentissimo! Infatti ho appena scoperto un nuovo gentile e lolloso semiDio di nome Gianguido!
Ora lasciando il nome tipicamente padano che mi fa ricordare Germano Mosconi:
(ma non ho dimenticato di certo il mio super semiDio Lightuono e il Gran Maestro [anche lui un semiDio] Lippol :D)
Ora il nostro semiDio mi ha segnalato questo post dove ho trovato la soluzione ad un mio cruccio!
Infatti come ho scritto nel tweet:
Sicuramente saprete che sul mio piccino sono assenti i driver 3D per il mio acceleratore grafico VIA (non so perché Intel si prolunghi cosi tanto nel loro sviluppo!) quindi fino a questa sera il mio piccino era sprovvisto di Dock, il che mi frustava non poco perché la dock oltre a portare dipendenza mi offre molte comodità in termini di gestione di più programmi aperti su più aree di lavoro (attenzione opinione altamente soggettiva).
Ma da questa sera (o notte ?) posso finalmente metterla in quel posto a compiz e ai driver VIA fantasmi grazie al nostro nuovo semiDio che mi ha illuminato il cammino verso la mia dock senza compiz 😀
Come dock ho scelto AWN che è molto leggera come dock grazie anche al fatto che usa Vala al posto di Mono.
Ecco guardate gira sul piccino!:
Vedete è proprio il mio piccolino, ed eccovi ora le parole del semiDio mentre esultava/sbavava insieme a me:
Ma andiamo al succo, il post linkatomi consiglia di installare xcompmgr, quindi diamo:
sudo apt-get install xcompmgr
E poi installiamo AWN:
Aggiunta dei ppa:
sudo add-apt-repository ppa:awn-core/ppa && sudo apt-get update
E installiamo da Synaptic perché ci sono da installare circa ventordici pacchetti e dipendenze tutti con nomi più strani possibili che rendono l’installazione via terminale facile quanto compilare Ooo su Geento.
Una volta installati sia xcompmgr sia AWN, dobbiamo avviare il primo quindi:
ALT+f2 e scriviamo xcompmgr e poi clicchiamo su esegui, se poi volete avviare AWN ad ogni avvio vi consiglio di impostare xcompmgr per far si che si avvii al login del sistema, quindi:
Preferenza>Applicazioni d’avvio:
Fatto questo possiamo avviare la nostra AWN!! E naturalmente dare via allo sbavamento più assoluto anche sui piccoli schermi come quello del mio piccino 😀

Eccovi alcuni due screen con la mia dokcina (termine da me coniato per indicare la dock sul piccino :D):

We love xcompmgr && Gianguido

PS: ovviamente non sto qui a parlavi di AWN 0.4 perché ci sono circa mille mila post per tutto “internette” che ne parlano 😀

PS#2: Ho scelto AWN anche perché mi affascina il suo sviluppo che mira a sostituire i pannelli dello gnomo, e per lo più Lucido è ideato da un italiano 😀

Update:

Come suggerito da Milozzy ho provato ad attivare il gestore di composizione di metacity e “magicamente” la mia AWN ha funzionato anche senza xcompmgr 😀
Per attivare il compositore di metacity diamo:

Alt+F2>Digitate “gconf-editor”>Apps>Metacity>general>e spuntate la voce “compositing_manager”

Eeeee restate di stucco è un barba-trucco!

Ringrazio milozzy per avermi suggerito quest’altra soluzione 😀