Server..Server…Server!

Tipica giornata con atipica sveglia alle otto del mattino in cui ti ritrovi davanti quel mostro di tua sorella che ti bisbiglia in stile “smigol“: il mio tesssooor…..no aspetta era “MI…devi….portare……a scuola”

Cosi dopo varie bestemmie rotanti che di prima mattina fanno sempre bene (quanto, dico quanto? Dovranno ronzare le orecchie del tizio che sta al super attico, per colpa mia).(tipica immagine che non c’entra un ca$$0 ma mi piaceva e ce l’ho infilata lo stesso, ringrazio l’autore del fumetto per avermi fatto ridere per 30 minuti buoni :D)

Cosi porto al parco giochi la sorella (visto che non farà un bene amato ca$o) e me ne torno a casa distribuendo il giusto numero di insulti vari ad autisti poco attenti (forse per via dei fumi del sonno).

Appena varco la soglia della porta di casa vengo placcato da mia madre che mi invia in missione alla banca (si perché dopo un certo orario le banche di Palermo diventano con ogni posta d’Italia).

Cosi arrivo al primo banco di Sicilia e mi trovo davanti circa cento persone, cosi in una mossa in non poco furtiva mi girò ed evado dalla falange che già si sta formando alle mie spalle, e cosi giungo ad un altra filiare e indovinate ? Idem con patate, cosi mi rassegno e aspetto buono il mio torno mormorando bestemmia al mondo bancario.

(altra immagina che non c’entra una fava ma visto che mi piace la infilo dentro lo stesso)

Ad un certo punto una dirigente esce dal suo ufficio e va a parlare con l’impiegato dello sportello:

Dirigente: Ha inoltrato la proposta di $cliente super mega esigente e super iper pagante ? Impiegato: che ? cosa ? Dirigente: si $cliente, $$ affarone…. Impiegato: a si! Ma non funzionano i terminali e pare che sia per colpa del server centrale….

A quel punto le mie orecchie staccano l’audio e cominciano a fischiare di brutto, “ecco perché c’è tutta sta folla oggi, non si posso fare operazioni!”

Butto un occhio da un altro lato e vedo la Dirigente tornare in ufficio un po contrariata e la vendo riprende il suo lavoro usando un portatile della mela smozzicata.


(altra immagine che…..no aspettate questo è l’ultimo logo della $Apple)

Dopo un po decido di arrendermi e tornare a casa quando inizia una scena da teatro, la dirigente si alza e tira un calcione ad un pc, poi si dirige allo sportello e comincia a parlare con l’impiegato:

Dirigente: allora sti terminali! Partono!? Impiegato: che ? cosa ? No vede c’è windows che mi mette in attesa continua e……

La voce dell’impiegato si mozza nel vedere il suo schermo che diventa blu scuro (cosi come molti altri terminali in contemporanea) al che io mi sono reso conto che è la fine della mia giornata in banca.

Ovviamente avrete capito che i terminali svano mostrando un allegra BSoD:(ecco come appare la ragazza di un sistemista che usa windows server)

Rientrando a casa mi metto a pensare ad i costi di gestione e manutenzione che l’intera sala sever con su windows server possa avere, sicuramente una cifra con svariati zeri.

Ora io non sono nessuno per criticare il lavoro di tanti sistemisti che per scelta o per lavoro usano windows server ma posso solo pensare (o magari ipotizzare) che se ci fosse stato BSD o magari una distribuzione Gnu/Linux all’interno dei server dalla banca questo non sarebbe successo.

(tipica ragazza di un sistemista che usa Gnu/Linux)

Si ma a chi rivolgersi per una tale servizio ?Molte aziende si rivolgono questa domanda oggi giorno. Quale azienda italiana fornisce una tale assistenza e non solo ti assicura assistenza e gestione di svariati server con su delle Linux box ?

Be io ne avrei da consiglia una, che a sua volta mi è stasa consiglia (non sto qui a raccontarvi come e quando) per la sua decennale esperienza in questo settore.

Vi sto parlando di Servermanaged.

(Ecco la sua home page)

Servermanaged è un azienda che si occupa della gestione e della manutenzione oltre che del supporto de tuoi server.

Ma vediamo come si presentano al pubblico:

“Hai acquistato un server dedicato linux o un vps ma non sai gestirlo? Hai bisogno di assistenza sistemistica ma non hai a disposizione un budget elevato? Gestiamo per te il tuo server,garantendoti alti livelli di professionalità e velocità nella risoluzione delle richieste. Puoi scegliere tra diversi piani tariffari che possono essere adattati alle tue esigenze. Il tipo di assistenza è 24×7,basata su ticket. Ci informi del tuo problema e noi provvediamo alla risoluzione. Il tutto in remoto, senza costi di interventi in sede.”

Ecco forse uno dei loro punti di forza “Il tutto da remoto”, non so come si comportino le altre aziende del settore a riguardo ma questa mi è sembrata una cosa davvero buona, se c’è un problema, tu lo segnali (o se ne accorgono loro) e loro provvedono a riparare il tutto via remoto.

Ma in questo periodo di crisi sono davvero appetibili tali aziende ? Be io penso di si perché ti offrono molti servizi a prezzi abbordabili con piani che si adattano alle vostre esigenze (anche perché non dovete pagare il costo della licenza dello zio bill):

“I nostri piani di gestione server si adattano a varie fasce di utenza,per soddisfare le esigenze di vaste categorie di professionisti.

Qualora i quattro piani managed Base, Standard, Advanced e Plus non soddisfino le caratteristiche richieste dal cliente,è possibile richiedere la stesura di piani personalizzati nelle esigenze e nel prezzo.”

Ma vediamo una rapida carrellata delle tecnologia in di cui viene assicurata piena competenza e assistenza:

Oltre tutto ti offrono dei servizi aggiuntivi che oggi giorno sono il pane quotidiano per aziende o privati che si trovano ad avere necessità di gestione dei propri server :

-Se hai bisogno di ricompilazione del kernel o dell’applicazione di una patch.

-Se hai bisogno d implementare il tuo firewall con iptables e necessiti di aiuto.

-Se hai bisogno di eseguire aggiornamenti sul tuo server, senza il rischio di comprometterne il funzionamento.

-Se hai bisogno di generare report grafici o scritti sulle attività generate dal tuo server.

-Se necessiti dell’elaborazione di procedure di backup per il tuo server o per le applicazioni residenti su di esso.

Se hai bisogno di ripristinare il sistema in seguito ad un evento di intrusione o manomissione di applicazioni residenti su esso.

-Se hai bisogno di ottimizzare l’utilizzo di memoria per applicazioni Web,Database o altro.

Se hai bisogno di configurare un singolo servizio (Web server, Mysql server, Mail server, Antispam).

-Se hai bisogno dell’installazione,della configurazione o della risoluzione di problematiche relativi a diversi tipi di pannelli.

-Se hai bisogno di monitorare singoli parametri del tuo server.

-Se hai bisogno di documentazione specifica su procedure o funzioni del tuo server.

Insomma è una grande quantità di servizi che possono essere adattati al tuo budget ed alle tue esigenze lavorative, cosa volere di più dalla vit…da una sistemista ? (amaro lucano a parte).

Che dire io se avessi bisogno di questo tipo di servizi andrei da loro 😀

Sgrana gli occhi con Miro 3.0

Salve ragazzi ben tornati, oggi voglio presentarvi un programma che si sta imponendo come uno dei miglior video-player in tutti i sistemi operativi conosciuti.

Vi sto parlando di Miro che recentemente ha raggiunto la versione 3.1

Per capire esattamente cosa sia Miro partiamo analizzando la sua Home page:
La cosa che subito salata all’occhio è la grafica pulita e semplice del programma, certo spudoratamente ispirata a Quicktime, ma questo non è importante visto che il programma è totalmente Open Source ed è multi-piattaforma!

Quindi disponibile per tutti i principali OS, altra cosa che farà piacere a noi utenti Ubuntu e derivate è che sono disponibili i PPA, cosa che ci facilità il processo di installazione visto che altrimenti si dovrebbe compilare il tutto a manina.

Allora per installare si segue il solito procedimento via terminale:

Per il koala o la lince:
sudo add-apt-repository ppa:pcf/miro-releases

Per Jaunty invece bisogna andare su Amministrazione>Sorgenti software>Software di terze parti> e aggiungere queste righe:

deb-src http://ppa.launchpad.net/pcf/miro-releases/ubuntu jaunty main

Bene adesso date i classici comandi da terminale:
(se su Jaunty vi mostra degli errori non preoccupatevi)

sudo apt-get update && sudo apt-get install miro

Adesso aspettate pochi secondi e magicamente vi ritroverete miro su Applicazioni>Audio e Video>Miro Internet TV

Ecco la cosa ci apparirà al primo avvio:
Io personalmente ho deciso di non avviarlo all’avvio del sistema perché la mia CPU non è molto potente e quindi potrei rallentare l’avvio del sistema.
Il programma importerà solo i video quindi se come me avete circa 10GB di musica non vi preoccupate, anche se l’avere circa 700 video mi ha rallentato un po l’importazione.Finita l’importazione ecco come si presenterà Miro:Allora partendo da in alto a sinistra vediamo i tastini del browser integrato in miro (difatti quella che vediamo è una pagina web), i nostri video importati (in verde) e dei posdcast video e audio di prova (in blu).

Mentre in alto a destra possiamo notare come sia possibile creare un account per acquistare contenuti ma a me non me ne frega nulla visto che ho la mia torrentcard che mi da tutto “a gratis”.

Spostiamoci nella sezione “libreria”:Possiamo vedere come miro non abbia da invidiare a nessun video-player in circolazione, possiamo dividere i nostri video come preferiamo per data, temo, dimensione e nome.

Oltre tutto possiamo separare i video del nostro disco fisso con quelli che abbiamo scaricato (che per lo più durano per 5 giorni):A proposito di video scaricati con Miro è semplicissimo farlo, basta abbonarsi ad un feed/podcast e via torrent otterremo ho la traccia audio o il video che abbiamo scelto, il tutto nella più completa legalità!

Vediamo come fare:Il procedimento è uguale sia per i video che per le traccie audio, allora ho si clicca sul tastino download, oppure ci si abbona ai feed di quel canale (stile podcast) e si scaricherà ugualmente la traccia o il video più recente.

Se l’ho avete notato possiamo tenere traccia dei nostri download nella medesima sezione:Vedete ci mostra il numero dei download (in alto a sinistra), lo stato, la velocità e ci permette di stoppare e riprendere in qualsiasi momento (anche dopo aver chiuso e riaperto miro) e non solo possiamo organizzare i nostro download in corso nella stessa maniera dei video, cioè per nome, dimensione, tempo ecc.

Ovviamente la funzione principale di Miro è appunto riprodurre video, quindi adesso adiamo a vedere come ci vengono mostrati i suddetti:Abbiamo in alto i soliti pannelli, poi in basso le solite opzioni: pausa, stop, avanti ecc, la barra di avanzamento, la regolazione del volume, i sottotitoli, la possibilità di eliminare il video dalla nostra libreria e la funzione sgancia che se attivata ci permette di avere in contemporanea il video in riproduzione e la libreria:Naturalmente per vedere i video non avremmo bisogno di installare codec o roba simile, miro (come del resto VLC e altri) integra al suo interno tutti i codec dei formati più famosi.

Ora veniamo alla sezione che forse interessa di più a tutti noi cioè quella dei “Torrent Legali”:In questa sezione potremmo scaricare, usando il famoso protocollo bitTorrent, di tutto e di più!

Giochi, audio libri, film, programmi televisivi, di tutto! Naturalmente tutto quello che scaricheremo da miro sarà sotto licenza Open, come indicato dalla stessa pagina.

Oltre a tutto questo miro ci permette di scaricare i video dal tubo in modo molto semplice, apriamo il menù in alto a sinistra chiamato “video”:Selezioniamo “scarica elemento” e poi inserite nel riquadro che ci compare il link del video sul tubo:Alla fine di questo semplice procedimento ci basterà aspettare quei due minuti di downlaod (ma la velocità di scaricamento dipende dalla vostra connessione) del video et voilà:Nella sezione video ci troveremo il video scaricato, visualizzabile anche offline.

Se invece non avete un video in particolare da scaricare potrete cercare e visualizzare (scaricando sempre) i video del tubo che preferite utilizzando la comoda funzione ricerca di miro:Concludendo il post giudico Miro un software eccellente che può soddisfare le esigenze dell’utente più esigente in fatto di video-streaming e di grandi e prolungate riproduzioni video.

Tuttavia miro è esso stesso molto esigente in termini di risorse, di fatti la mia CPU (come potete notare dall’indicatore sulla docky) è quasi sempre al massimo con miro il che fa pensare che il software è stato ideato per pc molto performanti o abbastanza recenti come i “core duo” accompagnati da schede video decenti (in questo caso a me manca il core duo visto che la mia scheda ati è molto potente).

Ultima cosa da dire è “Provatelo” non ve ne pentirete 😉

Webuntu il web OS in stile ubuntu

Salve ragazzi ben tornati, questa mattina mi è toccato alzarmi alle 7.35!!! Per portare a scuola mia sorella a causa dell’influenza della madre.

Cosi dopo essermi ripreso dallo spavento di vedere mia sorella alle 7 del mattino e dopo svariati caffè, accendo il pc fisso per la mia solita ronda mattutina, quando trovo un tweet dell’amico Davide Fresilli (il creatore di addbuddy il social tutto open) che mi linka un suo post dicendomi: “questo ti piacerà!”

Cosi apro il link è con occhi luccicosi esclamo:“noooooooo che figata!”

La figata in questione si chiama Webuntu, un web OS (si tipo Chrome OS ma meno castrato e forse più attento alla privacy) totalmente open, scritto da zero da Davide fresilli.

I linguaggi di programmazione sono tutti Client side (Html-CSS-javascript).

Dock a parte è questo il risultato ottenuto da Davide:La cosa è altamente “figherrima” sia per la presenza della dock sia perché l’OS non necessità di essere ospitato in un server per workare ma basta aprire con un qualsiasi browser il file “index.html” per poter usare il web OS in tutte le sue funzionalità.

Immaginate di avere sempre con voi il vostro Web OS open source, al sicuro sulla vostra pennetta USB oppure su un vostro hosting o sulla vostra dropbox 😀

Ora si deve specificare che questo è un progetto amatoriale e che non rappresenta un vero e proprio OS, infatti come dice lo stesso Davide nel suo post:

” In Questo momento “Webuntu” non Può essere Considerato un Vero e Proprio WebOS Poichè non è dotato di una vera e Propria Shell ed alcuni altri componenti essenziali, ma è ancora in via di Sviluppo.”

Infatti la versione attuale è ancora una beta (0.01).

Per chi fosse interessato tutto il materiale per i volontari beta tester o per i developer è disponibile nel suo post, il tutto ovviamente essendo open è prelevabile e modificabile senza alcuna limitazione 😀

Se volete provare il tutto potete trovare una versione di prova a questo link: http://www.webuntu.netsons.org

Che dire è un progetto che merita di essere portato avanti anche solo per scopi didattici o per spende il proprio tempo libero in modo costruttivo.

Dal canto mio (vista la mia conoscenza molto ma mooolto basilare di Html e di “giavascripte”) posso solo augurare buona fortuna a Davide per questo suo interessante progetto 😉