Togliere lo splash screen nero su Mint11

Per adesso è in corso un periodo di rodaggio del nuovo piccino, anche se presto o tardi finirò per installarci su mamma Debian e Arch ma per adesso la pigrizia controlla ancora le mie mani da smanettone quindi resterò su Mint11 per un po. Tuttavia c’è una “feature” di Mint11 che mi sta un po sul cazzo non mi garba ovvero lo splash screen nero al boot che come vi avevo detto nel post dedicato al piccino è di un fastidio unico visto che non ti fa vedere cosa e come sta bootando il tuo sistema. Quindi mi sono messo a cercare una soluzione in rete ed essa è arrivata su di un mio post su FriendFeed, grazie ad Alb (che ha provato il tutto in VM) sono venuto a conoscenza della procedura per rimuovere lo splash screen nero.

Dunque dobbiamo editare questo file: /etc/default/grub

andiamo a cercare queste due righe:

GRUB_CMDLINE_LINUX_DEFAULT="quiet splash"

GRUB_CMDLINE_LINUX=" splash"

ed editiamole in questa maniera:

GRUB_CMDLINE_LINUX_DEFAULT=""

GRUB_CMDLINE_LINUX=""

Fatto questo diamo un sudo update-grub

e al prossimo boot riavremo le nostre amate stringhe di testo *_*

#: /dev/null/

PS: FUCK YEA!

PSS: consiglio sempre di fare un backup del file di grub che andiamo ad editare non si sa mai.

È nato! È nato!

No non Gesù ! Non sto mica parando della settimana d’avvento ! La mia attesa è giunta al termine dopo 5 mesi di gestazione! Il mio nuovo bimbo è giunto fra noi ! E sono giunti doni di incenso e mirra….no aspettate storia sbagliata !

I doni ( No non quelli della morte grazie ) in realtà sono un processore dual core da 2.7GHz (modello E5400 economico ma potente) , 1GB di ram (DDR2) e un disco fisso da 500GB (della barracuda) il tutto correlato da un bellissimo case nero e un masterizzatore DVD che fa sempre comodo, ah si ! Al suo interno ho trovato una figherrima quanto inutile lucetta multicolore che varia tonalità ogni secondo, il tutto per la modica cifra di 300 euri! (compresi 15 euri per la pennetta wifi della eminent,lo stesso modello che uso sul fisso più vecchio l’EM4454 un’ottima pennetta wifi che è possibile usare sin da live cd perché provvista di ottimi drivers open 😀 )

Si ma aspettate un po di storia :

Tutto cominciò il natale scorso quando il mio amato notebook HP nx7300 (poi resuscitato per qualche mese) è leggermente schiattato e nel contempo ( vedi la fortuna ) l’alimentatore del mio pc fisso ( oggi ancora funzionante e in attività ) decise di concedersi la sua vacanza nasalizia quindi cominciai a scegliermi ( o meglio cominciai a pensare ) un nuovo erede che sostituisse i miei poveri bimbi.

Successivamente il babbo tirò fuori il suo coltellino da McGyver e automagicamente tirò fuori dalla sua tasca un nuovo alimentatore. Sempre in quel periodo visti i miei buoni risultati scolastici ( tranne in matematica ovviamente ) mia nonna decise di regalarmi l’ormai famoso piccino. Tuttavia il fratellone ( ovvero il precedessore del nuovo arrivato ) aveva ormai compiuto i suoi anni ( 6 anni di onorato servizio dedito allo frenato smanettamento/cazzeggio/porneggio ) quindi restava sempre aperta la possibilità di un upgrade generale. Quest’estate quindi ho dato il via all’operazione “DevoRisparmiarePersuverchioAltrimentiColCazzoCheLoVedoIlPcNuovo” .

Quindi eccomi qua a narrarvi la mia prima orgasmica esperienza col nuovo bimbo.

Aluura da dove comincio…ah si, entro nel negozio di informatica e chiedo al nerd occhialuto davanti a me :

Io: No senti non è che ciai un computer economico ma abbastanza potente da porneggiare in santa pace ?

Nerdazzo: Eccome no ?! Vedi quel robo lassù ? ( mi indica un case con in basso a destra un piccolo ma piiiiccolo bigliettino ingiallito con su scritto un prezzo a dir poco gastronomico ) Dovrebbe andare bene.

Io: Si ma…na cosa più economica ?

Nerdazzo: Si ma poi devo smanettaare col bios…devo ordinare il tutto..alla fine non ti viene molto di meno il salasso.

Io:  E se te lo porto a pezzi e me lo monti ?

Nerdazzo: Ma cosa ?

Io: Il computer !

Nerdazzo: Ma..forse..con 2-3 giorni di preavviso…magari..ci posso pensare…

Io: Ok te porto i pezzi.

Nerdazzo: Ok anticipo ?

Io: Ciccio ho solo 5 euri bastano ?

Nerdazzo: Vabbuò.

Quindi alla fine della favola ho recuperato i pezzi  ( in pratica me li ha ordinati lui dopo molte altre disquisizioni sull’effettivo risparmio del salasso ) e me li son fatto montare quindi tipo 24 ore dopo il bimbo era a casa tutto nuovo fiammante pronto ad essere sverginato dal sottoscritto.eccolo in tutto il suo splendore *_*

Già che c’ero ho deciso di mia iniziativa di inserire due componenti che avevo sul precedente computer (poi rimpiazzati da pezzi nuovi), un banco ram e una vecchia scheda video Ati Radeon X1300 (ora sostituita sul fratello maggiora dalla Ati HD 4850).

E qui cominciano le bestemmie, bioparco di qua, orcozio di la insomma lo schermo dopo l’installazione della bastarda (la scheda Ati) mi sparava un triliardo di colori in faccia senza darmi l’ombra del bios, cosi a colpi di imprecazioni la eviro a forza dal mio bimbo e il bios ricomincia a farsi vedere sul monitor ( il monitor è stato ripreso dal camerino dopo 1 anno di inattività, è un vecchio LCD Acer da 19 pollici che fa ancorai l suo lavoro egregiamente anche dopo quasi 8 anni di vita) quindi parto con l’installazione del sistema operativo ma ovviamente non potevano finire qua le bestemmia no!

Infatti non so il perché il banco ram da me aggiunto (da 1GB DDR2) dava problemi o forse era maledetto dagli Zulù chi lo sa, insomma mi mandava in kernel panic il live cd di Mint (errore di scrittura sulla ram era l’errore) quindi decido di rimuoverlo e tutto automagicamente torna a fungere come Linus comanda!

Quindi installo Julia (si insomma Linux Mint10 aka ubuntu 10.10) e partono gli orgasmi multipli causati dalla scelta dello stile del sistema ingenerale, icone magnifiche (le faenza mica so schemi), tema bianco che assomiglia tanto al gatto delle nevi e il soliti ottimi set di wallpapers mintiani 😀

Non vi posto immagini dell’installazione perché ne trovate già a bizzeffe in rete vi do solo alcune schermate inerenti alle specifiche del sistema:

ecco le specifiche del bimbo *_*

ecco i due bellizzimi core *_*

ecco le specifiche del procio *_*

eccovi il disco fisso da 500Gb *_* è un barracuda!

Non ho altro da aggiungere a parte il mio immenso stupore orgasmico nel notare come i due core non soffrano per nulla se ad esempio copio 15Gb d musica e nel contempo tengo aperto thunderbird e chromium *_*

:# /dev/null/

Update: Al nuovo bimbo ho aggiunto anche una fiammante scheda video Nvidia GT 240 *_*

Debian conquista anche il piccino :D

Ok non so il perché ma ogni volta che tentavo di installare debian sul mio piccino si trovava sempre qualche intoppo che impediva di giungere il traguardo finale, prima i driver della scheda ethernet, poi i problemi al boot con unetbootin, e in alcuni casi l’installazione si bloccava, si avvolte il mio piccino sembra maledetto ma avvolta basta un non so che per farlo partire alla grande 😀

Questo non so che oggi gli è stato donato da Linux Mint Debian Edition!

La notizia è di qualche mese fa (inizio estate) ma solo oggi il team di Linux Mint ha rilasciato la prima relese di mint basata su Debian testing 😀

È stato fatto un enorme lavoro, a partire dal live cd con installer completamente scritto da zero,molto intuitivo e sopratutto leggero, infatti la live usb sul mio piccino ci mette poco più di 20 secondi per fare il boot!

Ma veniamo alla trippa, una volta installato il tutto (circa 15 minuti) ci troviamo in classico ambiente debian ma con molti software in più come pidgin o thunderbird (e qui si scopre il perché degli 800 e passa megabyte del file ISO da scaricare).

Tuttavia manca il tool che hanno reso distro come Ubuntu e mint famose, ovvero l’installatore di drivers automatico, il che rende abbastanza ostico il passaggio a Debian ma credo che in futuro il tool che si occupa di questo verrà adattato o riscritto per Debian 😀

Comunque per adesso bisogna arrangiarsi alla maniera di mamma debian e installare i drivers alla vecchia maniera ovvero da terminale, prima di tutto dobbiamo sapere che componenti hardware abbiamo usando il comando “lspci”

Nel mio caso ho installato (con il grande aiuto del semiDio Lightuono) i drivers della mia scheda wifi un broadcom b43 (attenzione il termine b43 è generico ne esistono molte varanti controllare il log del comando “lspci” per sapere esattamente quale modello avete), i drivers si trovano nei repo non-free già presenti su LMDE.

Quindi da terminale diamo:

sudo apt-get install firmware-b43-lpphy-installer

sudo modprobe b43

sudo wfconfig wlan0 up

adesso i drivers dovrebbero essere installi, facciamo una ricerca di rete con:

sudo iwlist scan

Se nel terminale compare la nostra rete wifi allora abbiamo finito di installare i drives 😀

Ora una volta configurata la nostra rete (cosa che si puoi fare dal normale Networkmanager di gnome) possiamo aggiornare la nostra distro, che vi ricordo essere una rolling relese cosi come lo è Sidux 😀

Quindi diamo i classici sudo aptitude update && sudo aptitude upgrade per aggiornare la nostra distro 😀 (al posto di aptitude se lo preferite potete usare apt-get)

Io personalmente ho trovato dei corposi aggiornamenti (più di 200!) e non è finita qui infatti ora dobbiamo completare gli update con sudo aptitude dist-upgrade 😀

Una volta finiti gli updates possiamo dedicarci alla personalizzazione delle nostre Debian, io ad esempio in serata gli ho aggiunto Droid Sans, un nuovo wallpapers e un nuovo pacchetto di icone:

ecco mamma debian sul mio piccino 😀

Figa vero ?

Non ho ancora aggiunto una dock e penso che opterò per AWN, anche se appena finito di giocarci un po vorrei provare ad installarci su LXDE visto che mamma debian ha preso il post di Mint9.

A si tra i vari programmi che ho installato ovviamente non poteva mancare chromium che però non so se lo sapete per motivi di sicurezza è stato rimosso dal ramo testing di debian tuttavia è possibile usare i .deb per Sid che funzionano perfettamente anche su debian testing ecco qui i .deb che dovete installare:

chromium-browser;

chromium-browser-inspector;

chromium-browser-l10n.

Che altro dire se non che Debian è il BENE!

UPDATE:

Alla fine si sono decisi ad includere chromium in squeeze quindi adesso basta un sudo aptitude install chromium-browser per avere il nostro chromium pronto all’uso 😀

PS: a si eccovi il link del comunicato ufficiale del rilascio.