Altre mie elucubrazioni su Arch

Sono ormai due settimane che ho installato arch e mi trovo bene, i problemi affrontati sono tutti derivati da mie distrazioni o da bug, tutti risolti grazie a poche googlate e visite al completissimo wiki di arch (dove in media 9 voci su 10 sono tradotte nella nostra lingua). Detto questo vorrei condividere con voi cosa ne penso esattamente su questa distro (perché lo devo condividere ? Be per un fatto di autocelebrazione personale misto ad erezioni varie).

Vi riporto qui ciò che ho scritto su un post su FriendFeed per lasciarvelo ad eterna memoria:

La distro in se è una delle distro migliori del mondo GNU/Linux a mio parare, è fottutamente modulare e versatile, hai il totale controllo del sistema in due o tre scriptini e da li decidi vita, morte e miracoli della tua distro con estrema leggerezza e facilità, per non parlare di pacman e AUR, certo sento la nostalgia di mamma debian e di aptitude ma cavolo arch è una distro con i contro cazzi quadrangolari che ti danno calci rotanti in arrray. E chi vuole una distro subito pronta all’uso senza sbattimeni vari ha ragionissimo ad evitarla coma la peste bubbonica.  Poi certo ai gusti non si comanda.

Detto questo vi posto un immagine di yaourt che mi da un terminale colorato (cosa che ancora oggi mi da parecchie erezioni) e mi rende terribilmente figo davanti agli ubuntisti della mia facoltà 😀

vedete quanto è faigo 😀

E dopo tutta questa autocelebrazione ed erezioni varie pensi di migrare tutte le tue macchina ad Arch ?

Ne sono tentato ma no grazie, primo perché l’amore verso debian è ancora grande e vigoroso come due ragazzi liceali che scopano con ricci, e poi perché non posso passare intere giornate a installare e configurare tutte le mie macchine!

:# /dev/null/

PS: a chi interessasse oltre a twitter, friendfeed, tumblr adesso per seguire le mie elucubrazioni e i mie deliri potete venirmi a trovare anche su Irc, server Freenode, stanza DeliriNotturni (“ecco a cosa serviva quel coso chiamato xchat!” [cit. me quando entrai su Irc per la prima volta]). Un luogo dove nerdeggiare, cazzeggiare e porneggiare con me e con tanta altre bella gente 😀

Useremo un fottutissimo proxy allora °_°

È di qualche giorno fa la notizia che tutti i provider italiani bloccheranno l’accesso al famoso portale torrent btjunkie.org (sotto ordine della Magistratura ovviamente le major in Italia ancora non hanno tutto questo potere), decisione a mio avviso inutile fatta per fare notizia e per dare fastidio più che per bloccare i download illegali (anche se in Italia non è illegale scaricare ma è illegale caricare in rete e poi condividere tali materiali, anche se non sono molto aggiornato sull’argomento quindi la legge può essere cambiata) visto che basta poco per aggirare il blocco e questo bloccherà si e no una decina di niubbi e tale decine userà google per cercare la soluzione e quindi non bloccherà nessuno alla fine.

Quindi come tutti i nerd che si rispettano useremo un fottutissimo proxy per scaricare…le nostre distro preferite presenti in quel portale °_°

Per prima cosa apriamo Firefox (o Iceweasel se usate Debian, o IceCat se avete sogni erotici con degli GNU) e installiamo FoxyProxy, una volta fatto questo cerchiamo un sito che ci dia dei proxy eccovene uno suggeritomi su twitter (ringrazio colui che me lo diede ma non ricordo il nome in questo momento).

Bene ora copiamoci quello che ci serve e incolliamo i dati dentro il riquadro che ci apparirà quando clicchiamo su “nuovo proxy”

è una cosa semplicissima vedete °_°

In fine spostatevi nella tab “generali” e date un nome al proxy, io ad esempio ne uso uno tedesco cosi l’ho chiamato “Proxy Crucco”, in fine cliccate su ok e al riquadro che vi comparirà dopo sempre ok, in fine andate sul pulsantino in basso a destra e cliccateci col testo destro del vostro topo e selezionate il proxy

io uso a random una delle tre e ne ho settata una USA per vedere Hulu °_°

In fine provate a caricare Google e vi comparirà nella lingua del proxy selezionato, tipo a me compare in tedesco o in cinese oppure in inglese quando uso il proxy USA °_°. Se volete sapere l’esatta ubicazione del proxy che state usando potete usare questo sito.

Noterete che la navigazione risulta un po rallentata (a volte anche molto lenta), questo purtroppo è un piccolo inconveniente che si incontra usando il proxy, ma di solito basta cambiarlo con un altra e si vive felici, anche se io personalmente non lo uso sempre ma solo quando ne ho bisogno.

Ora oltre a questo piccolo trucchetto per accedere a btj vorrei condividere con voi anche un piccolo programmino che ho scoperto proprio oggi, si tratta di torrent search, come ci suggerisce il nome non è altro che un programma per cercare torrent che poi potremmo dare in pasto a Trasmission 😀 (ci scarica il file torrent nella home dir)

ecco torrent search ha un'interfaccia molto semplice e gradevole 😀

Lo trovo molto comodo e ci evita di girare nei vari tracker torrent per trovare il torrent migliore per…scaricare le nostre distro GNU/Linux.

:# /dev/null/

PS: Ovviamente potete trovare un addons simile anche per Chromium (su Opera penso che la funzione sia integrata).

PS#2: Ovviamente con questo post non voglio mica incitare i download illegali, voglio solo ricordare a quelle teste di minchia delle major che il traffico P2P non è usato solo per scaricare materiale illegale e che un semplice blocco non serve a fermare gli internauti ne tanto meno le azioni illegali.

Fonte

GNU/Linux in declino ? Ma quando mai!

Sembra un periodo un po brutto per il mondo del software libero e più precisamente per il nostro OS preferito GNU/Linux.

Molti miti sfatati, molti utenti acquistati e molti altri traguardi raggiunti dal duro lavoro dei volontari e delle aziende che investono in questo settore, tuttavia ci sono persone che nutrono ancora delle perplessità (come è giusto che sia, la critica costruttiva è sempre ben accetta).

Su FriendFeed mi capita sotto gli occhi questo post di un utente GNU/Linux che si pone delle domande e delle riflessioni su alcuni punti oscuri (o problemi/difetti se volete) del mondo GNU/Linux.

[Prima di continuare la lettura del post leggetevi l’articolo da me linkato]

Io ho voluto riflettere suoi suoi punti e elaborare delle “mie risposte” alle sue riflessioni:

1) Attivissimo è passato a OSX? affari suoi ognuno è libero di cambiare idea sul suo OS primario ma la sua battaglia è comunque giusta e per quanto riguarda i netbook con Xandros be la distro preinstallata faceva pena (bastava una semplice xubuntu per fare la felicità dell’utente qui l’errore è stato di Asus infatti su molti HP mini io ho visto OpenSuse con lo gnomo, compreso quello che ho acquistato io) e gli utenti correvano a installarsi XP per pura ignoranza e paura di impara cose nuove, questo non è certo cola di GNU/Linux ma della mentalità informatica italiana.

2) Gnome di suo non è che sia leggerissimo ma dobbiamo vedere il pluralismo dei DE come cosa buona e giusta se Gnome non ti piace installa un altro DE (questa è l’anima di GNU/Linux, usa quello che più ti piace) è semplicissimo installarne DE nuovi sul proprio sistema, io per esempio sono passato da KDE a Gnome, per poi tornare a KDE poi ho scoperto LXDE e ora sono su Openbox con diverse capatine su Fluxbox e su Xfce (anche se lo gnomo non se ne è mai andato dai mie pc).

3) Sul kernel Linux posso solo dire che la pesantezza deriva proprio dall’aggiunta dei drivers open (per quanto ne so io, magari ci sono altre cose che ignoro) per far funzionare quello che il punto 6 reclama ovvero il maggiore e sempre più esteso supporto hardware (che ormai ha raggiunto livelli accettabili per l’utenza).

4) vedasi punto 3.

5) Gli update sono senza senso ( o meglio un senso l’hanno pure quelli ma qui si tratta di questioni di marketing che di sviluppo) su ubuntu e ubuntu NON è tutto il mondo GNU/Linux se ti piace non aggiornare tutto il sistema ogni giorno o ogni tot di mesi usa Debian Stable e ti fai il pinning, oppure come scritto nel post usa le LTS con i relativi ppa extra.

6) vedasi punto 3

7) Stessa cosa del DE, non ti piace usare firefox ? Prova Chromium, Opera e gli altri mille mila browser disponibili per GNU/Linux.

8 ) Novell non è morta cambia solo padrone tutto qui, certo un padre di dubbia benevolenza ma di non credo voglia far morire un’azienda del calibro di Novell.

Detto questo riprendo le parole dell’autore dell’articolo linkato: “cercando di accontentare tutti non si accontenta nessuno”

Ovvero non esiste il sistema operativo perfetto, e GNU/Linux di certo non lo vuole diventare.

È nato come OS per smanettoni è ogni giorno si avvicina sempre di più alla casalinga di Voghera, inciampando spesso (come capita ai bambini) ma riprendendo a camminare (se non a correre) sempre e comunque qualsiasi cosa accada.

:# /dev/null/