Intervista al Project Leader di Chakra

Salve ragazzi oggi torno un po indietro con la memoria ai tempi in cui ero soprannominato “Intervistatore Pazzo”, oggi come da titolo pubblico l’intervista fatta al Project Leader di Chakra Phil Miller!

Chakra come molti di noi sanno è una distribuzione KDE-centrica che deriva da Arch Linux, i ragazzi capitanati da Phil sono riusciti col loro duro lavoro a trasformarla in una delle migliori distro in circolazione anche se un po criticata da molti archeri per alcuni dubbi sulla filosofa della distro differente da quella di Arch.

Tuttavia prima di partire vorrei ringraziare Lazy Man senza di lui l’intervista probabilmente non si sarebbe mai fatta. Ringrazio anche JMC (Daniele Cocca) sviluppatore italiano di Chakra che ha gentilmente tradotto le mie domande in inglese. (Se volete conoscere gli altri sviluppatori magari per fargli qualche domanda qui il team al completo)

Ordunque bando alle ciance cominciamo! (magari durante la lettura potete sorseggiare una birra e ascoltare il vostro gruppo preferito aumenterà l’effetto pornografico post e pre-lettura)

I would like to thank you for your time in the first place, I know you’re very busy these days.

So here we go:

1) Give a brief presentation of yourself. / Presentati brevemente.

Mi chiamo Phil Miller e ho quasi 29 anni ormai. Sviluppo per Chakra come hobby nel mio tempo libero per dare qualche contributo ai miei amici e alle persone a cui piace il progetto.Mi piacciono KDE e le persone che ho conosciuto tramite il progetto. Sono un po’come la mia seconda famiglia. È bello creare qualcosa insieme e divertircisi.

Well, my name is Phil Miller and I’m almost 29 now. I do this in my spare time as a hobby to give some back to my friends an people liking the project.I like KDE and the people I met thru the project. They are like my second family. It is nice to create some together and have fun with it.

2) Where did the idea of Chakra come from? And how did you choose that name? / Come è nata l’idea di Chakra ? Da dove avete preso il nome ?

Chakra è nata su Internet, in un piccolo, oscuro angolo della rete Freenode,dove un giorno gli sviluppatori di KDEmod si sono incontrati e hanno deciso di creare un piccolo ma grandioso LiveCD basato su Arch Linux. Con il tempo i membri del team sono un po’ cambiati. Ora siamo in più sviluppatori rispetto a prima.Quando il nostro leader è venuto a mancare si è deciso che fossi io a prendere il suo posto e dare nuova linfa al progetto. Con l’aiuto di Manuel Tortosa e di molti altri il progetto è diventato ciò che è oggi.

Chakra was born on the net, in a small shady corner of the Freenode network,where the KDEmod developers met one day and decided to create an awesome little liveCD based on Arch Linux. Thru the time the team members changed a little. We are more developers than before. With the lost of the project leader we decided that I should take over and give the project a new spin. With the help of Manuel Tortosa and many others the project is what it is now.

3) How did you developers meet? How do you take your decisions? / Gli sviluppatori come vi siete conosciuti ? Come prendete le decisioni ?

Ci incontriamo ancora in quel piccolo, oscuro angolo della rete Freenode e decidiamo insieme che direzione dare a Chakra. Alcuni di noi sono lì giornalmente,altri solo durante i meeting degli sviluppatori. Utilizziamo di frequente anche email e mailing list per contattarci gli uni con gli altri.

We still meet in that small shady corner of the Freenode network and decide togehter how we want to shape Chakra. Some are daily there, some only for the developers meetings. Emails are common such as mail-lists to contact others.

4) Many “archers” have expressed their doubts about your fork; they say youdon’t respect the Arch philosophy, they look at you as “the Ubuntu of ArchLinux”. What are the differences between the two distros? (both “philosophical”and practical) / Molti archeri hanno sollevato dubbi sul vostro fork, dicono che non rispettate la filosofia di arch, insomma vi additano come se foste l’Ubuntu di arch. Quali sono le differenze tra le due distro? (filosofiche e non)

L’Ubuntu di Arch Linux – Sembra esattamente ciò a cui puntiamo. Avvicinare a Linux nuovi utenti ed aiutarli quanto più ci è possibile. Ovviamente c’è un grande interesse in ciò che offre Arch, una “rolling distro”. Ma va bene essere “rolling” per ogni livello della distribuzione? Qui è dovela filosofia di Chakra è veramente diversa da Arch: l’essere “rolling” non deve interferire con una base stabile. Un’altra differenza minore è l’idea di come installare. Ha senso un solo ambiente desktop, una distribuzione moderna dovrebbe essere installabile senza richiedere un’intera guida passo-passo da seguire durante l’intero processo di installazione.

The Ubuntu of Arch Linux – Sounds exact that what we are aiming for. Get new comers to linux and help them as much as we can.There obviously is a great deal of interest in what Arch offers, a rolling distro.  But is rolling needed for all levels of the Distro?  That is were Chakra’s philosophy really differs from Arch, rolling does not have theinterfere with a stable base.  A smaller difference is the idea of how to install.  With one DE environment, a modern Distro should be installable,without needing a full step by step manual during the whole install process.

5) Where is the Chakra development right now in your roadmap? What are the obstacles and difficulties you’ve had to face, or you’re still facing, in thedevelopment of the distribution and its tools? / Adesso lo sviluppo di Chakra a che punto è ? Quali sono le difficoltà che avete dovuto affrontare e che affrontate nel suo sviluppo e nello sviluppo dei suoi tools ?

Siamo ancora in una fase alpha. Ciò è dovuto ai nostri strumenti. La distribuzione di per sé è stabile e pronta per l’uso giornaliero, o addiritturaper quello “di produzione”.I nostri strumenti, che sono in continuo sviluppo e in una fase “unstable”, e le modifiche apportate al nostro buildsystem ci hanno frenato un po’. Abbiamo anche bisogno di riformulare l’installatore e il sistema di gestione di pacchetti, ma siamo a buon punto in quel senso.

We are still in alpha stage. This is cos of our tools. The distro itself is stable and usable for daily usage even productive. Our unstable tools and thelately changes to our buildsystem put us back a little. Also we have to rethink our installerand packaging systems we have. But we are on a good way getting there.

6) Have you been involved in similar project before working on Chakra?What’s your field of interest/specialization? / Prima di Chakra partecipavi ad altri progetti simili ? In cosa sei specializzato ?

Sono stato uno sviluppatore di Paldo Linux – un LiveCD per GNOME nato in Svizzera.Ho migliorato il loro LiveCD e scritto il loro primo Live-Installer in Pascal.I miei interessi… a parte le ragazze? Be’, mi piace divertirmi in mezzo alla gente, guardare la TV inglese, i film e leggere libri.La mia specializzazione sarebbe: parlare con la gente, darle una mano per quanto più sono in grado ed ho il tempo di fare. Principalmente mi occupo di scrivere script BASH o codice C++.

I was a developer of paldo linux – a Gnome LiveCD from swiss. I enhanced their live-cd and wrote their first live-installer in pascal.My interests: Besides girls? – Well, having fun with peoples, watching englishTV, Movies and reading books.Specialization would be: Talking to peoples, helping out as much as I can and have the time to do it. Mostly I write scripts in bash or code c++.

7) What would you tell to a user who’s about to try a new distro to convince him to give Chakra a spin? / Cosa diresti ad un utente che vuole cambiare distro per convincerlo a provare Chakra ?

Qui c’è una distro adatta a te. Chakra potrebbe essere proprio quella che fa al caso tuo, se ti piace KDE e vuoi avere dei bundle per installare delle applicazioni con un singolo click. Se vuoi un sistema pulito e molto potente, ti darà un’occasione di imparare un sacco su Linux, se sei interessato a leggere qualcosa ed imparare cose nuove.

There is one out for you. Chakra might be the one for you if you like KDE and abundle-system to install apps just with one click.Want a clean and very powerful system, that will give you a change to learn alot about Linux, if you are interested in learning and reading some.

8 ) Have you got some official supporters? / Avete dei supporter ufficiali ?

Sì, ne abbiamo. Il nostro server principale è sponsorizzato da una compagnia tedesca.Per il resto ci sono persone che effettuano donazioni o ci danno una mano con le loro abilità.

Yes we have. The server is sponsored by a german company. Else we have people donating or helping us out with their skills.

9) Which distro have you been using before Chakra? On which PC do youdevelop it? Would you mind sharing a screenshot of your desktop? / Prima di Chakra che distro usavi ? E che pc possiedi (specifiche tecniche) ? Potresti mandarci uno screenshot del tuo desktop ?

SuSE, Ubuntu e Paldo. Sviluppo Chakra su un netbook HP e su un AMD Core Duo assemblatoda me nel 2006. Niente di particolare, insomma. Gli screenshot li potete vedere dal mio blog (http://philmchakra.wordpress.com/).

Suse, Ubuntu and Paldo. I’m developing chakra on a HP Netbook and a self build AMD Core Duo from 2006. So nothing fancy. Screens you can grab from blog.

10) What do you foresee in Chakra’s future? Some other desktop environments? Some more tools? Different release policies? / Cosa prevedete per il futuro di Chakra ? Altri DE ? Altri tools ? Rilasci differenti ?

Scaleremo le classifiche su DistroWatch fino ad arrivare entro la top ten, se tutto va come ci aspettiamo (siamo in quindicesima posizione al momento). Continueremo a fornire KDE. I nostri strumenti continueranno a crescere, ma dovremmo lavorare di più su quelli già iniziati prima di cominciare altro.Faremo un numero minore di rilasci stabili e più testing builds, in modo da assicurarci che le snapshot stabili siano sempre migliori.

We will climb DW-List up to the top ten if it goes as planned. (13 atm) – KDE we will keep. Our tools might grow but we should work more on the current one before start some else.We will release less stable ones but more testing builds to get the stable ones better.

11) Do you think that the “GTK-freeness” is worth the hard work and sweat you’reputting into it? Wouldn’t it be better to just try to be “the best KDE distro”and use your time to work on something else?

Non è così difficile dopotutto. Funziona già, come vedete. Non siamo forse la migliore distribuzione KDE?

Ci sono tre ragioni perché Chakra sia distribuzione puramente KDE.

1 – Crediamo veramente nelle capacità di KDE. Come alcune distribuzioni forniscono solo pacchetti “FOSS”, Chakra ritiene che sia ora di fornire un ambiente totalmente incentrato su KDE e quanto più pulito possibile. Ciò significa non avere virtualmente nessuna applicazione GTK2 nei repository. Ovviamente, Chakra riconosce che ci sono alcune applicazioni GTK2 indispensabili: queste sono fornite come “bundle”,  senza installare nessun pacchetto GTK2.

2 – Molte di queste applicazioni GTK2 indispensabili dipendono da una buona parte del desktop GNOME, ad esempio GIMP o FileZilla. Perché installare 50-60 dipendenzedi GNOME,per usare solo una o due applicazioni?

3 – KDE utilizza la directory quasi esclusivamente /usr per installare applicazioni.Ciò rende il sistema molto pulito e organizzato. Parecchie applicazioni GTK2 vengono installate in percorsi abbastanza diversi.

It isn’t so hard at all. It works already as you can see. Aren’t we the best KDE Distro yet?

Three reasons for Chakra focusing on as pure a KDE distro as possible.True believe in the power of KDE. Like some distro’s believe in only providing”foss” packages, Chakra believes it is time to provide an as clean as possible,fully KDE focussed environment. That means virtually no GTK2 depended applications in the repositories. Of course Chakra recognizes there are quite a few “must have” GTK2 applications, those are provided as “bundles”, and will not install anything GTK2.

Many of those “must have” GTK2 applications depend on a good part of a complete Gnome desktop, examples GIMP or Filezilla. Why install 50-60 Gnome deps, forjust one or two apps? KDE uses the /usr directory almost exclusively to install applications. This makes for a very transparent system. Many GTK2 apps are installed in quite a few different directories.

Thanks again for your kind collaboration.

Come potete leggere e vedere il team di Chakra sta realizzando qualcosa di nuovo e non una semplice derivata, se siete interessanti ecco qui la lista dei tools che stanno sviluppando e qui la pagina di download della distro.

Ringrazio ancora Phil per la su disponibilità e faccio i mie complimenti ai ragazzi del team di Chakra per il lavoro che stanno svolgendo😀

23 thoughts on “Intervista al Project Leader di Chakra

  1. >aumenterà l’effetto pornografico post e pre-lettura
    No, not really … p0rnogra.py?

    Cmq no, non vedo ancora tutta questa innovazione, not yet.

      • Chakra sta perdendo la “derivazione” da arch. Tra qualche tempo dovrebbe uscire il loro gestore dei pacchetti che pensionerà pacman. E in effetti tutte ste derivate di ubuntu hanno un po’ rotto😄

  2. Non vedol’ora che esca la stable, gia ora è usabile nn ha nulla a che invidiare ad altre distro anzi credo sia il contrario, progetto giovane che seguo da vicino essendo un utilizzatore di questa distro, la reputo una delle migliori di kde, e abreve diventerà la migliore, che dire Provatelaaaaaaaaaaa

  3. Post eccellente.🙂

    Condivido in toto la filosofia che sta dietro a Chacra, nulla togliere alla distro madre.

    Picchio, se un giorno deciderò di installarla su un mio pc (penso proprio che lo farò) il merito sarà anche di questa intervista.🙂

  4. Ottima intervista ma resto fedele ad Arch!!
    Ciò non toglie che un salto al chakra project lo (ri)farò (in effetti l’ho usata per un mesetto). E’ una distro interessante, sopratutto che può essere installata nei PC degli amici che non hanno capacità/voglia per usare Arch ma che voglio comunque un buon sistema con KDE

  5. ottimo riconoscimento hardware, rolling release, tutta la splendida documentazione arch le si può applicare, la prima vera e sola distribuzione che ha solo KDE, facile da installare, in futuro sarà pure facile da amministrare con i loro tools.
    Almeno quando chiedi aiuto non ti risponde uno gnomo ma uno che ama e usa kde e qt-apps. Magari un giorno si integrerà perfettamente con Meego (pure lui Qt) del mio smartphone.
    Ho sempre sognato una distro così. Quando sarà pronta la raccomanderò ad amici windowsiani e iphonisti. Per ora la uso io e la raccomando a tutti gli hacker.

    • perché chi non è hacker per adesso non può usarla ? xD

      Praticamente è identica ad ogni distro GNU/Linux quindi può essere usata e installata da tutti con un minimo di logica o magari seguendo una semplice guida (non che il processo di installazione sia complicato poi)

      • devi riconoscere che un principiante utente di linux non si sente così a suo agio con la riga di comando. Non vedo l’ora che i tools grafici siano pronti.

      • ma dove la vedi sta riga di comando ? Su kde tutto ha una GUI, se parli per la gestione dei pacchetti già il tools grafico esiste anche se non del tutto maturo (ma si parla del gestore di chakra perché esistono molti altre GUI scritte in qt per gestire i pacchetti).

  6. Pingback: Intervista al Project Leader di Chakra | SimpliX e la collezione software ideale

  7. Pingback: È nato il portale italiano di Chakra! « Il nido del Picchio

  8. Ritorno sui miei passi dopo aver provato la distro. Ho deciso di fare una prova e installarla sul nuovo netbook della ragazza di mio fratello.
    Beh, c’è poco da dire, l’ho trovata ottima e con una personalità tutta sua.
    Innovativa l’idea dei bundle anche se devo dire non mi convince ancora appieno. Perlomeno, non mi sembra una buona scelta creare due processi di installazione e tenere fuori dai repo programmi come FF e Libreoffice, per una “Arch” che vuole diventare user-friendly come Ubuntu.
    Tuttavia non è comunque difficile da usare e queste cose si imparano in 5 minuti.
    Nei prossimi giorni continuerò a provarla anche per testare l’interfaccia netbook.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...