Io e il Trashware

Giorni fa lessi questo post di Santiago che parlava della culo fortuna che ha avuto suo padre nel trovare per terra un disco fisso di 250Gb, cosi ho commentato il post per dire che dalla mie parti (il Sud) non si butta via niente e anche per parlare brevemente del recupero dei componenti del mio vecchio portatile.

Poche ore dopo sono stato contattato via email da Peppex che leggendo il mio commento mi chiedeva in sostanza come avessi recuperato i pezzi. Io nel rispondere mi sono dilungano nel narrare le mie avventure nel trashware che riporto qui interamente (la scrittura e da email quindi perdonatemi se sono presenti varie licenze picchiose):

Ciao Peppex molto piacere🙂

Allora l’unica parte del mio vecchio portatile che uso è il disco fisso, che con una ventina di euro l’ho trasformato in disco esterno usb (praticamente adesso non posso farne più a meno anche se piccolo, 60Gb, mi fornisce un punto di backup e di scambio dati tra pc insostituibile).

Per quanto riguarda le altre parti penso che quando avrò un po di tempo userò il masterizzatore dvd, infatti il masterizzatore del notebook di mia sorella è gusto e pensavo di portalo in qualche negozio per vedere se potevano sostituirlo con il solo costo della mano d’opera, infatti se posso preferisco evitare di aprire un notebook perché spesso qualche vite o qualche zona ad incastro si deforma o si rompe e se non ai gli strumenti adatti non è possibile rimontarlo (almeno per quelli costruiti negli ultimi 5 anni quelli di prima erano più disponibili alle modifiche).

Altra cosa che vorrei riutilizzare sul portatile di mia sorella è un banco ram da 512mb che vorrei aggiungere al banco da 1Gb già presente sul notebook della sorella.

Passando a ciò che interessava a te (il monitor un 14 pollici se non ricordo male) è ancora agganciato alla scheda madre e non penso che in commercio si trovino facilmente convertitori VGA o alimentatori per questo monitor, più che altro ipotizzavo di usarlo come pezzo di ricambio in caso si guastasse il monitor del portatile di mia sorella (che è della stessa marca l’HP ma di modello diverso).

Purtroppo il tashware con i notebook è molto limitato e in certi casi rischioso visto che spesso i componenti sono montati in modo da essere sostituiti solo da personale della stessa azienda o con strumenti specifici che hanno solo i negozianti.

Per il resto le mie esperienze con il trashware sono sempre state positive ho avuto 5 pc fissi, e quattro di essi si sono tramandati gli stessi banchi ram (due da 512mb e prima uno da 256mb ora inutilizzato), gli stessi HD (uno da 40 GB e uno da 250) e gli stessi lettori/masterizzatori (ho un lettore e un masterizzatore cd inutilizzati in cantina e un lettore dvd e un masterizzatore dvd nello stesso fisso, questi due hanno visto 2 pc, mentre il lettore cd e il masterizzatore ne hanno visti 4 prima di essere smontati definitivamente).

Il quinto pc fisso ha ottenuto uno banco ram da 1Gb di un vecchio fisso e pensavo di usare anche una vecchia scheda video ATI X1300 ma purtroppo sembra che la polvere se la sia portata via, infatti non ne vuole sapere di avviarsi (so che funziona anche su GNU/Linux perché la usavo sino a 2 anni fa quindi non penso sia un problema di compatibilità anche perché neanche parte la ventola).

Non ho mai riciclato schede madri e processori perché me li sono sempre mangiati tutti, surriscaldamenti e riavvii di emergenza in casa mia sono stati la norma sino all’ultimo fisso (che è un dual core), infatti anche se non ero dedito agli overclock le mie CPU erano sempre spinte al massimo da vari giochi o da mie esperimenti quindi sono stanti sfruttati al massimo (ti parlo di un Pentium II, un Pentium III, un Pentium IV e un Pentium D da 3.0Ghz a cui adesso devo cambiare la pasta termica perché l’originale si è seccata tutta).

Altra cosa che ho riciclato e usato su 3 fissi diversi è una scheda Audio della Sound Blaster, comprata con annesse casse (2 normali e una cassa grossa per i bassi che ancora uso) ho deciso di non usarla più negli ultimi due fissi perché le moderne schede audio integrate con le schede madri fanno il loro lavoro egregiamente e poi perché le mie porte PCI sono occupate della schede video.

Per quanto riguarda i monitor ho avuto due vecchi CTR uno dei quali bruciato e l’altro regalato a mio zio dopo l’acquisto di un LCD da 19 pollici (ora in uso nell’ultimo fisso) che poi ho sostituito con un 22 pollici widescreen.

Scusami se sono stato prolisso ma volevo condividere con qualcuno le me avventure nel trashware.

PS: se ti interessa il mio portatile defunto è un HP NX 7300 con processore Intel Celereon da 1.6Ghz monocore, il portale è fuori commercio (ne è uscito anche un modello con un dual core ma penso che anche esso sia fuori commercio). Mentre il portatile di mia sorella è un HP Compaq 6720s.

Queste sono le mie esperienze e le vostre quali sono ?

PS: Per chi non sapesse cosa è il Trashware ecco la pagina di wikipedia.

5 thoughts on “Io e il Trashware

  1. Pingback: Tweets that mention Io e il Trashware « Il nido del Picchio -- Topsy.com

  2. La mia esperienza con il trashware si basa su 2 vecchi catorchi (anche nella romagna non si butta via niente XD). Il primo è stato un computer “matusalemme”, un pentium mmx con 32 mb di ram e hdd da 8 gb, trovato in un angolo dell’ufficio di mio padre che prendeva polvere. Sul suddetto pc (ci girava windows 95) sono riuscito a far andare solo damn small linux, pure la fidata slack si rifiutava😄.
    Poi sono passato al mio vecchio computer, pentium 3 800 MHz 128 mb di ram (aumentata a 512 in seguito) e 20 gb di hdd, sul quale cambio distro come mi cambio le mutante (ultimamente spesso risiedono slackware o gentoo).

  3. Wey picchio! Leggo questo post solo adesso perché per uno strano motivo sei sparito dai miei feed O.o

    Grazie del link😉 sono contento che un post così brutto come il mio vi abbia dato un po’ di spunti, allora è servito a qualcosa!😀

    con 5 pc fissi mi hai battuto!! anch’io però tra le mie sperienze trashware ho un disco fisso di 250 giga che con 12 euro si è convertito in un disco portatile.

    Consiglio caldamente per queste cose, le fiere dell’elettronica. Sono ottime perché tra tutte le cianfrusaglie trovi cose a buon prezzo, anche nuove.

    A casa mia ho un pc-frankenstein che ha messo a posto mio babbo con pezzi vecchio, processore, mother e ram di solito vanno assieme, perché quando cambi uno ti tocca spesso cambiare anche le altre. Se non si bruciano (al contrario di come capita a te😀 ) si possono riutilizzare!😉

    Saluti!

  4. Pingback: Green Computer « Il nido del Picchio

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...