Burg: impressioni e bestemmie

Qualche giorno fa mi fu suggerito da una mio caro lettore di fare un post su Burg, la mia risposta fu subito positiva visto che grub non è proprio un bel vedere. Ma cosa è Burg ?

Burg è in pratica un fork di grub fatto dagli stessi creatori di grub, la differenza fra grub e burg e che nel secondo si possono impostare temi piuttosto”graficosi”.

Quando ne sentii parlare nella prima volta mi saltarono in mente due cose in contemporanea:

Prima parte del pensiero:
“sbav sbav sbav sbav sbav”

Seconda parte del pensiero:
“ok dove sono gli svantaggi???”

Ovvero di solito anche su Gnu/Linux vale la regola algebrica:

“Sbavoseria=pc meno performante “

infatti le graficoseria di solito gravano sul processore andando a ridurre le prestazioni del pc.
E qui i due pensieri si fermarono perché all’epoca burg era facile da installare quanto è facile installare gnome su gentoo.

Ma le cose cambiarono in fretta cosi oggi grazie ai progressi del progetto burg in stabilità e facilità d’uso è stato possibile installare burg e realizzare il desiderio espresso da canopus.

Ma prima di tutto vediamo come installare Burg:

Installeggiare:

prima di tutto aggiungiamo i ppa del progetto con il comodo comanda da terminale:

sudo add-apt-repository ppa:bean123ch/burg

Adesso installeggiamo con:

sudo apt-get update && sudo apt-get install burg burg-themes burg-emu

Bene adesso dobbiamo settare burg in modo che venga riconosciuto come boot loader al posto di grub, quindi dobbiamo installarlo sull’MBR (Master boot record) che è la cartella dove sta il nostro boot loader, quindi diamo:

sudo burg-install “(hd0)”

Allora “hd0” varia a secondo della condizione del vostro disco, ad esempio io ho un disco (quindi sda) se avete più di un disco allora attraverso Gparted o il Gestore Dischi, dovrete individuare quale disco contiene il vostro MBR (solitamente è la partizione con su installato la vostra distribuzione).

Quindi il mio comando sarà: sudo burg-install /dev/sda

Allora una volta sistemato a dovere l’MBR dobbiamo settare al meglio burg, per farlo diamo questo comando:

sudo gedit /etc/default/burg

Ci apparirà un foglio di testo con tutte le configurazioni di burg, di seguito in rosso quelle più importanti per noi:

# If you change this file, run ‘update-burg’ afterwards to update # /boot/burg/burg.cfg. GRUB_DEFAULT=0 GRUB_TIMEOUT=10 GRUB_DISTRIBUTOR=`lsb_release -i -s 2> /dev/null || echo Debian` GRUB_CMDLINE_LINUX_DEFAULT=”quiet splash” GRUB_CMDLINE_LINUX=”” # Uncomment to disable graphical terminal (grub-pc only) #GRUB_TERMINAL=console # The resolution used on graphical terminal # note that you can use only modes which your graphic card supports via VBE # you can see them in real GRUB with the command `vbeinfo’ #GRUB_GFXMODE=1280×800 # Uncomment if you don’t want GRUB to pass “root=UUID=xxx” parameter to Linux #GRUB_DISABLE_LINUX_UUID=true # Uncomment to disable generation of recovery mode menu entries #GRUB_DISABLE_LINUX_RECOVERY=”true” # Uncomment to get a beep at grub start #GRUB_INIT_TUNE=”480 440 1″ # Use the previous selected theme, you can also specify a theme to be used # In the boot menu, use hotkey ‘t’ to popup a theme selection menu GRUB_THEME=ubuntu # Use the previous folding option, its value can be ‘yes’, ‘no’ or ‘saved’ # In the boot menu, use hotkey ‘F7’ to show the full list, ‘f’ to toggle # between folding modes. GRUB_FOLD=saved # Add user with burg-adduser, then use GRUB_USERS to config authentication. # The following example means user1 can boot Ubuntu, no password is needed to # boot Windows, user1 amd user2 can boot other OS. Superusers can boot any OS # and use hotkeys like `c’ to enter console mode. #GRUB_USERS=”*=user1,user2:ubuntu=user1:windows=”

GRUB_TIMEOUT

Allora la prima scritta rossa e il tempo che avete a disposizione prima che si avvi automaticamente il primo kernel (e quindi la distro) in lista. Di default è 5 secondi io li ho aumentati a 10 ma voi potete mettere quanto vi garba.

GRUB_GFXMODE

Questo settaggio è la risoluzione di burg che va impostata secondo il vostro schermo, io che ho un 15 pollici (ho testato burg sul portatile grande) ho impostato 1280×800.

GRUB_THEME

Questo è il settaggio saliente, infatti con questo potrete modificare il tema di burg, io per adesso ho quello chiamato “ubuntu” ma voi potete mettere quello che più vi gusta. Per visionare i temi preinstallati basta andare su File sistem>boot>burg>themes e esplorare le cartelle dei diversi temi.

Una volta scelto il tema e modificato il file di config, dovrete aggiornare burg dei cambiamenti con questo comando:
sudo update-burg

e poi testiamo il tutto con il comando:

sudo burg-emu

Se l’emulazione del tema va bene possiamo riavviare il pc in tutta tranquillità e gustarci il nostro nuovo sbavoso boot loader.

Fin qui tutto bene, cosi mi dico “fico adesso sminchiamo (aka smanettiamo) per bene un po il tutto e creiamo sto tema picchioso (aka sbavoso) “

Allora come base per il mio tema ho usato un tema, non presente di base su burg, di nome “Gnome”, il creatore è il blogger che gestisce un blog davvero ben fatto di nome Fuori chiave.

Lo stesso creatore del tema mi ha anche fornito in anteprima i loghi fatti da lui delle distro più famose (Ubby, mint, fedora, suse e anche winzoz).

Cosi dopo vari esperimenti sono riuscito a creare un tema per burg😀

Eccovelo qua in tutta la sua sbavosità (icone sinistra boot normale, icona destra per recovery mode):Ed ecco il link per il download del tema, l’ho chiamato semplicemente “picchio”.

Per usare il tema dovrete accedere da utente root con nautilus:

sudo nautilus

e copiare la cartella su File sistem>boot>burg>themes

poi settate il tema come scritto su, inserendo il nome del mio tema “picchio”

ed in fine aggiornate e testate burg sempre come scritto di sopra.

Ora il tema è ok per chi usa Ubuntu, kubuntu e windows, per chi usa mint (come il sottoscritto) purtroppo il tema non la riconosce quindi all’avvio potrete (sempre come il sottoscritto) ululare bestemmie a “gogo”.

Non conosco il motivo di ciò visto che altri temi riconosco mint e (non sempre) lo fanno bootare senza nessun particolare rito di gratificazione divina.

Se qualcuno sa il perché può indicare la soluzione nei commenti o contattarmi via email…………

………..Soluzione per le icone di mint:

I mitici (o mintici se preferite xD) ragazzi del form di Mint-Italia hanno trovato soluzione al mio problema per le icone di mint, eccovi il link del post sul forum😀

In particolare ringrazio “Pedro” il fautore della soluzione e moderatore del forum (oltre che Hero member).

Di seguito riporto la soluzione:

Per il tema “picchio” aprire il file icons (non dovreste aver bisogno di sudo perché i permessi del file risultano per l’utente, caso contrario mettete sudo)

Codice:
gedit /boot/burg/themes/picchio/icons/icons

e sostituite la scritta “Mint” nella sesta riga in “linuxmint”, salvate e chiudete adesso funzionerà alla perfezione😀

Per gli altri temi non sono stato li ad aggiungere la stringa al file icons e le icone nelle varie cartelle icons che comunque potete fare a vostro piacere, ma la soluzione più veloce e quella di inserire questa stringa (include “../icons/hover”) nel file theme dei temi che preferite, in questo modo userà le icone di default che si trovano in /boot/burg/themes/icons dove risiede anche quella di mint.

Faccio un esempio, installo il tema abstract il quale non ha le icone per mint e apro il file theme al suo interno:

Codice:
gedit /boot/burg/themes/abstract/theme

e vado ad inserire la stringa include “../icons/hover” alla terza riga sotto include “icons/icons” attenzione a non metterla per prima questa deve stare sempre dopo include “menus” se no non funzionerà, salvare e chiudere il file e anche questo tema e apposto 😀

Continuazione del post…..

Non ho provato altre distribuzioni come Fedora o Suse perché non le uso e quindi non ho neanche inserito nel tema le icone, ma se qualcuno ne fa richiesta posso rilasciare una nuova versione del tema con le suddette icone, cosa da testare il tutto con il boot di quelle distribuzioni.

Detto questo vi avverto che con alcuni temi di burg ho notato alcuni rallentamenti del boot (compreso il mio), infatti selezionando la distro da bootare avvolte i temi possono restare indecisi per alcuni secondi (10/15) e lasciare un po allarmati ma alla fine il boot parte.

Update:

Come consigliato da Valdan e Canopus :

Per personalizzare burg durante l’utilizzo (che sia in emulazione o in uso vero e proprio): 1) se si preme il tasto “t” si può scegliere il tema senza andare a mettere mano nel file di configurazione:
2) se si preme “f” si possono nascondere i vari kernel doppi;
3) se si preme “h” indovina un po’? Help… ci dice cosa coincidono i vari tasti

Temi aggiuntivi:

Se andate a questo Link potrete trovare altri temi per burg gentilmente raccolti dall’autore del blog chiamato Sourceslist, fra i quali potete trovare anche il mio😀

Per ripristinare Grub:

Nel caso si avessero problemi e si volesse ripristinare grub basta dare questi semplici comandi:

Rimuovere burg:
sudo apt-get remove –purge burg burg-themes burg-emu

Installare grub (inserendo il disco e la partizione del TUO pc):

sudo grub-install /dev/sdx

E poi si aggiorna il tutto con:
sudo update-grub

Per chiarimenti sul ripristino di grub consiglio questo link di Ubuntu-it (grazie a Luca per avermelo linkato nei commenti).


Burg Manager:

Per evitarci tutta questa tiritera è nato Burg Manger😀

18 thoughts on “Burg: impressioni e bestemmie

  1. Hola picchio! Ti ringrazio per il post, infatti proprio ieri stavo pensando di installarlo, ma non mi ricordavo i vari comandi.Ti dico un paio di cose utili per personalizzare burg durante l'utilizzo (che sia in emulazione o in uso vero e proprio): 1) se si preme il tasto "t" si può scegliere il tema senza andare a mettere mano nel file di configurazione:2) se si preme "f" si possono nascondere i vari kernel doppi;3) se si preme "h" indovina un po'? Help… ci dice cosa coincidono i vari tasti.

  2. per cambiare tema del burg in realtà basta cliccare "t" durante il burg, anche emulato in burg-emu; per quanto riguarda l'amato mint ci sono temi che lo "riconoscono" benissimo… anche se in realtà tutti lo riconoscono ma alcuni mancano delle relative icone, semplicemente quasi quasi faccio io un tema picchioso che "riconosca" il mint! restate in linea, torno presto

  3. @ Valdanscusa, non mi ero accorto ma ho ripetuto delle cose già dette da teXD@ tutti temi aggiuntivi li potete trovare quihttp://ubuntuforums.org/showthread.php?t=1402375http://gnome-look.org/content/show.php/Gnome+theme+for+burg?content=122560basta decomprimerli in /boot/burg/themes e poi dare un bel sudo update-burgsarò prolisso… ma come non invitare tutti a creare dei temi per burg personalizzati? create fratres😄

  4. P.S. I temi che hai linkato nel forum inglese di ubuntu li ho postati io e alcuni di quei temi sono stati creati da me editando quelli ufficiali.Nella pagina di riepilogo che ti ho citato sopra trovi tutti i temi che ho raccolto fino ad ora.

  5. grandissima e piacevolissima novitàè nato il BURG_MANAGER!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!correte gente, corretehttp://www.sourceslist.eu/blog/burg-manager-configurare-e-installare-il-burg-non-e-mai-stato-cosi-semplice/

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...