Chrome OS : Gli oscuri presagi

Il mondo informatico ha atteso con trepitanza questo evento informatico. Era attesa una rivoluzione, un balzo in avanti per il mondo dell’open source. Si aspettavano eclatanti accordi con grandi software house come Adobe.
Chrome OS: rivoluzione o flop ? Cloud Computing prematuro oppure ottima strategia di markentig per mercati futuri ? Investimento nel free software o introduzione sotteranea del Trusted Computing?

Chrome OS rivoluzionario OS (??) costruito sulla base e sull’idea di velocità e leggerezza del famoso browser di zio Google. Una rivoluzione un tentativo di spodestare l’immenso strapotere dello zio bill.

Ma sarà veramente questo l’obbiettivo di Google ? Spodestare windows ? oppure il suo vero obbiettivo e puntare alla creazione di un nuovo merdato ? Infatti il mercato del Cloud Computing non è ancora pienamente sfruttato da nessuna delle grandi aziende presenti sul mercato, il che rende tale settore ancora sfruttabile dalla prima aziende che farà scoppiare il boom dei web OS.

Ma siamo veramente pronti a comprendere o a sfruttare a pieno le potenzialità del cloud computing ?

In italia quanti hanno a disposizione sufficente banda larga, se è presenta la banda larga altrimenti i 56k regnano sovrani visto che la rete italiana infotelematica si basa ancora sui i vecchi cavi di rame della Telecom Italia che ha praticamente il monopolio della rete (pur essendo stata privatizzata decenni fa).

Ma tralasciando l’Italia, con la sua storica arretratezza tecnologica, volgiamo lo sguardo sul resto del mondo (Africa esclusa) chi veramente è in grado (forse solo gli USA e il Giappone) o riesce a comprendere i vantaggi (se ci sono) dell’uso del cluod computing su larga scala per il settore dell’home consumer ?

Secondo il mio modesto parere il cloud computing sarebbe si una grossa e polposa fetta di mercato ma tale fetta di mercato sarebbe sfruttabile a pieno solo in ambito aziendale, dove unita ad un possibile Truted Computing aziendale (??!!) darebbe il massimo dei suoi frutti.

Ecco qual’è il nostro interrogativo primario, non è: Dara vantaggi al mondo Gnu/Linux? O porterà alla fine del monpolio di Microsoft ? O ancora potrebbe trattarsi di un’immenso flop ?

Ma la domanda primari è: Cosa realmente sta tendo di fare Google ? Controllare le nostre abitudini con l’obbligo di passare attraverso le sue web app ? Aggirare la GPL? Perchè grazie allo stratagemma del Web OS l’utente non è più libero di scegliere il software ma è obbligato a usare solo le web app di google.
Ma forse l’obbiettivo di google è ancora più oscuro, forse è un modo geniale per introdurre e giustificare il Trusted Computing. Dare l’imput necessario, ottenere un precendete, aggirare le norme di garanzia poste dalla commessione europea per i diritti della Privacy e della libertà di concorrenza.
Si perchè da un lato si era fatto un passo avanti (solo nell’UE) imponendo allo zio bill di togliere tutto il software preinstallato (WLM, WMP, IE) su Winzoz.

Ma da un altro si rischia di essere ciechi e lasciare indurbato google accecati dal Kernel libero, lasciare google fare il suo astuto gioco.
Ma queste sono solo delle previsioni quasi apocalittiche del futuro dell’informatica, forse google non è intenzionato a fare ciò che sto solo ipotizzando, forse sta solo cercando di smontare il monopolio delle vecchie aziende, forse sta davvero cercando di portare una possibile rivoluzione e innovazione nel mondo del free software.

Vuoi come la pensate a riguardo ?

PS: Vi consiglio di approfondire il tema del Trusted Computing e del Cloud Computing su wikipedia.

Annunci

4 thoughts on “Chrome OS : Gli oscuri presagi

  1. Mi sembrano presagi un po' troppo catastrofici…L'unico vero problema è solo la "chiusura" delle web application. Dal video dimostrativo appare chiaro che si possono usare anche web application non google, ma le web application sono solitamente proprietarie.Fatto sta che, a parte questo, GNU/Linux si beccherà un po di gloria riflessa (se Chrome avrà successo) che si materializzerà in un minor potere di microsoft, sviluppo per kernel e per X, e qualche produttore hardware meno "antipatico".Di certo non farà più danno di distro come Xandros che hanno infangato il nome di linux… -.-

  2. secondo me è un cattivo affare.. per quanto sia veloce e carino.. mi farebbe paura avere una distro che vada solo in rete.. e se questa cosa si amplia e un giorno prendera il nome della microsoft non risolviamo niente.. anche perchè se prende piano questo software poche persone avranno voglia o disponibilita nel avolvere kernel.. non mi piace questa distro.. toglie il 90 percento della funzionalità di un pc

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...