Grazie grep

Piccolo post di ringraziamento al comando “grep” della shell unix, perché quando ti serve c’è sempre e ti risparmia le bestemmie che crei per cercare quello che ti serve tra trentordici log.

Proprio oggi ero a lezione, avevo poco tempo ed ero sguarnito di connessione wifi (in certe zone del palazzo dell’uni dove ho lezione non vi è copertura) ma devo rimuovere un pacchetto che mi impediva di attivare il correttore ortografico di Libreoffice di cui non ricordavo il nome (questo pacchetto da AUR che avevo installato molto tempo fa).

Cosi mi rivolgo al comando history che mi spara gli ultimi 500 comandi dati via shell ma ovviamente non è che posso andarmi a spulciare CINQUECENTO comandi uno per uno, cosi ecco l’idea, traendo ispirazione da un comando di grep che avevo letto tempo fa su un sito elaboro il comando che serve a me:

history | grep yaourt

Cosi facendo sfrutto i comandi history e grep in combinazione, uno mi da la lista degli ultimi 500 comandi e l’altro mi seleziona tutti i comandi con dentro la parola “yaourt” (era un pacchetto di AUR appunto). Cosi mi spuntano fuori 10 comandi io trovo il nome del pacchetto da rimuovere e lo rimuovo con pacman.

Tempo speso circa 30 secondi, errori/bestemmie evitate trentordici.

:# /dev/null/

PS: nel post che vi ho linkato sopra potete leggere come ho attivato il correttore ortografico grazie a quel pacchetto di AUR, tuttavia dopo gli ultimi upgrade di Libreoffice tale pacchetto ha smesso di fungere, quindi mi sono rivolto a questo addon di OpenOffice che funge alla perfezione e ci attiva il correttore ortografico anche senza il pacchetto di AUR.

Libreoffice, KDE e Arch

Dato che le sessioni d’esame si stanno avvicinando ho deciso di ricominciare a scrivere i mie consueti specchietti/riassunti/relazioni/altricazzi. Ora visto che oggi tutti e due i pc fissi erano occupati ho deciso di cominciare a fare un riassunto sul mio piccino su cui gira felicemente Arch+KDE.

Cosi avvio libreoffice e noto con orrore subito una cosa:

L'orrore!

Vedete il colore di sfondo dei suggerimenti impedisce di vedere il suggerimento (e poi stona terribilmente con il tema oxygen). Ok mi dico “ci penso dopo prima finisco di scrivere”. Ma ovviamente non poteva finire qui, di fatti il correttore ortografico mi prendeva per il culo i fondelli, anche se attivo non correggeva un bel piffero.

Dunque un po scocciato posto il problema su FriendFeed e il mitico dottorblaster in pochi minuti mi da la soluzione per il primo problema.

Sono andato a modificare il colore di sfondo e quello del testo dei suggerimenti, cosi: Impostazioni di sistema>Colori>Tab Colori>Gruppo Colori Suggerimenti

ecco le mia attuali impostazioni di colore

Fatto questo sono passato al problema del correttore ortografico/grammaticale. Cercando nel SuperIperMegaCazzuto Wiki di Arch ho letto questa pagina dedicata a libreoffice dove sono indicati i pacchetti che servono per far funzionare il correttore, i pacchetti (1 e 2) si trovano su AUR quindi ho dato:

yaourt -S languagetool

yaourt -S libreoffice-extension-languagetool

Un volta completata l’installazione dei due pacchetti ho avviato libreoffice e finalmente tutto funzionava a meraviglia!

ecco libreoffice a lavori finiti :D

:# /dev/null/

PS: Tempo fa avevo disinstallato OpenOffice (si OO non LibreOffice) su Mamma Debian, optando per l’uso di abiword, oggi non si sa perché o per come il correttore ortografico di abiword ha smesso di funzionare, quindi ho installato libreoffice e ho installato questa sua estensione per abilitare il correttore ortografico.

Update: Con le ultime versioni di LibreOffice il pacchetto di AUR smette di funzionare, tuttavia l’addons di cui parlo nel PS funge ancora e potete usarlo tranquillamente al posto del pacchetto di AUR (che io ho pure disinstallato).